Villa Cortese discute il futuro

L’incontro diretto tra i soci di un paese, in questo caso i soci che hanno aderito alla libera associazione dell’Osservatorio di Villa Cortese, e i vertici dell’istituto che li rappresenta. Un momento di partecipazione e confronto utile al fine di approfondire le tematiche di un dato territorio e fare il punto sulla situazione economica e congiunturale. Ancora più utile, vista la situazione e le domande, in prospettiva, che muove. Non poteva, quindi, arrivare in un momento migliore l’invito dell’Osservatorio di Villa Cortese al presidente Roberto Scazzosi e al vice presidente Mauro Colombo che, martedì 19 aprile, nella sala consiliare comunale, hanno incontrato una settantina di soci (nella foto a destra). Un numero importante, quindi, superiore ad ogni attesa, che dimostra l’interesse e la vicinanza dei nostri soci alla Bcc. Moderato dal presidente dell’Osservatorio, l’incontro è servito soprattutto per fare il punto sulla filiale di Villa Cortese, una tra le prime aperte dall’allora Bcc di Busto Garolfo dopo aver ricevuto, negli anni Settanta, l’autorizzazione a operare sulle piazze dei comuni vicini. «Villa Cortese è sempre stato per noi un presidio importante -ha detto il vicepresidente Mauro Colombo- e ci è chiara la necessità di dotare il paese di una struttura migliore e al passo con i tempi per la nostra filiale. Un argomento, quello del trasferimento della sede, che abbiamo affrontato negli ultimi tre anni, valutando varie possibilità. Alla fine, stante l’attuale situazione economica, ha prevalso un atteggiamento prudenziale e, almeno per il momento, non se ne farà nulla». «Il legame con il territorio è fondamentale per la nostra Banca, ancora di più se questo legame si è consolidato nel tempo e nei buoni rapporti che sono stati costruiti con una comunità -ha chiosato il presidente della nostra Bcc, Roberto Scazzosi-. Per questo la questione della nuova sede di Villa cortese è tutt’altro che chiusa: l’intenzione del consiglio di amministrazione, infatti, è quella di trovare una soluzione definitiva al problema».

0 replies on “Villa Cortese discute il futuro”