Soci Bcc, crescere grazie ai figli

Le buone tradizioni si tramandano di padre in figlio: per questo la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate ha realizzato una porta d’ingresso agevolata per i figli dei Soci che decidono di diventare, a loro volta, Soci dell’istituto di credito. Nata nel 1897 e cresciuta grazie anche all’impegno di molte famiglie che l’hanno sostenuta, la nostra Bcc ha scelto di incentivare il coinvolgimento delle nuove generazioni riservando un trattamento di favore proprio alla discendenza degli attuali Soci. «Ci sono progetti che è bello condividere, soprattutto all’interno di una famiglia -afferma Roberto Scazzosi, vice presidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate-. Noi della Bcc lo sappiamo bene e per questo, adesso che abbiamo voluto incrementare la base sociale, abbiamo pensato prima di tutto ai figli di chi socio lo è già, riservando proprio a loro un’opportunità speciale. 09È il nostro modo per ringraziare i Soci di averci sostenuto fino ad oggi, aiutandoci a far diventare la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate la bella realtà da cui guardano con attenzione e rispetto tutto l’Altomilanese e il Varesotto. Ed è quindi giusto che ai loro figli siano dedicate le occasioni migliori, per aiutarci reciprocamente a crescere». In quest’ottica si incentra il nuovo progetto della Bcc “Aiutiamoci a crescere”, un’offerta che comprende un anno a costo zero per tenuta conto, carte, home banking e dossier titoli; annullamento delle spese d’istruttoria sul primo finanziamento; coperture assicurative gratuite per ricovero e vita. Facendo un esempio concreto, ipotizzando un mutuo ipotecario di 200mila euro, il risparmio è pari circa a 600 euro. E se il figlio che vuole diventare Socio non è ancora cliente, si azzerano per un anno le spese di tenuta del conto già esistente. È naturale desiderare il meglio per le persone che si amano. La Bcc lo sa bene e per questo ha voluto offrire quest’opportunità prima di tutto ai figli di chi ha già creduto in questo progetto.

0 replies on “Soci Bcc, crescere grazie ai figli”