Sosteniamo chi dà valore al nostro territorio

Esserci, nonostante tutto. Questo il messaggio che la nostra Bcc sposa e sostiene. E non può che essere incluso, in questa mission, il sostegno al territorio. Come noto infatti, da qualche anno, a dicembre, la nostra Bcc eroga una serie di contributi a carattere di beneficenza, ad enti e associazione meritevoli e ad alcune iniziative di particolare valore. Lo fa durante l’intervallo del concerto di Natale che il corpo musicale Santa Cecilia di Busto Garolfo dedica alla comunità (nella foto sopra il concerto del 2019). È sempre stato un momento lieto, nel quale, coccolati da dolci note, ci si ritrova per scambiarsi gli auguri e applaudire, oltre ai musicisti, le tante belle iniziative delle associazioni premiate.
Il 2020, tra le tante cose che ci ha tolto, non ha mancato di negarci anche questo momento di serenità. Ma la solidarietà non può essere fermata dai lockdown; non lo meritano queste associazioni, così come, in maniera assolutamente categorica, non lo meritano i tanti utenti che usufruiscono dei servizi offerti da quelle realtà solidali e caritatevoli. Per questo, la nostra Bcc ha deciso di erogare nel mese di gennaio, praticamente, gli stessi contributi degli scorsi anni; 50mila euro sono stati versati a sedici realtà parrocchiali e solidaristiche del nostro territorio; consentendo loro di resistere, di sostenere spese pesanti a fronte di un anno senza entrate e contributi ordinari. Si tratta di undici realtà di Busto Garolfo e quattro dell’area di Buguggiate. A Busto Garolfo: l’associazione sportiva La Rete, la corale parrocchiale Santa Cecilia, il corpo musicale Santa Cecilia, la Croce Azzurra Ticinia ODV, Hakuna Matata, la parrocchia, l’oratorio e la Caritas, il gruppo volontari della Protezione civile, il gruppo sportivo CSG e l’associazione GPU. Nell’area di Buguggiate: le parrocchie di Buguggiate, Azzate e Gazzada e la Pro loco di Azzate. Tante realtà, unite da una unica fondamentale missione: servire e aiutare gli altri; tutti, i giovani, gli anziani, le persone in difficoltà. In questo, pur con le differenze di ruolo e valore, ci sono somiglianze con quello che la nostra Bcc, in termini di banca locale, prova da sempre a fare, a favore di imprese e famiglie del nostro territorio.

 

La Croce Azzurra Ticinia Odv

Un motore che ha continuato a girare. Nemmeno in piena pandemia i volontari della sezione di Busto Garolfo della Croce Azzurra Ticinia Odv hanno lasciato ferme le macchine: hanno continuato a portare verso i centri di cura anziani e disabili, dando continuità a un servizio importante quanto indispensabile. Un servizio che la nostra Bcc ha sostenuto e continua a sostenere, anche in questo 2021. Solamente nel 2019 (ultimo dato disponibile), la Croce Azzurra Ticinia di Busto Garolfo ha servito 431 persone percorrendo più di 110 mila chilometri. Dati significativi, che fanno bene: «Lo facciamo con amore. Dare qualcosa all’altro serve anche a chi dà».

L’associazione sportiva la rete

Sul campo di via Pascoli ormai da mesi non si vedono palloni. Eppure l’attività de La Rete di Busto Garolfo, che la nostra Bcc sostiene, non ha conosciuto sosta nell’ultimo anno. L’associazione, che promuove lo sport come occasione educativa e di integrazione e che raccoglie un centinaio di iscritti dai 7 anni in su provenienti dai più diversi angoli del mondo, ha portato avanti il progetto di educazione alla legalità e al rispetto delle regole nelle scuole e si è aggiudicata un bando regionale per l’attività a sostegno dei propri ragazzi. E ha in cantiere una proposta: intitolare il campo da calcio a don Pier Torriani il prossimo 22 giugno, a 10 anni dalla scomparsa del sacerdote.

La parrocchia

L’emergenza sanitaria è diventata anche emergenza sociale. Così è stato per la comunità pastorale di Maria Madre della Speranza che raccoglie le parrocchie di Buguggiate, Azzate e Brunello e che, come ogni anno, è stata destinataria di un contributo di solidarietà da parte della nostra Bcc.
«Le nostre Caritas in questi mesi hanno messo in campo un impegno straordinario», sottolinea il parroco don Cesare Zuccato. «Le richieste di aiuto sono quasi raddoppiate in questo periodo: siamo arrivati ad aiutare fino a 60 famiglie in difficoltà a Buguggiate
e Azzate».

La Pro loco di Azzate

La pandemia ha sospeso le attività, ma non la voglia di fare cultura della Pro loco di Azzate, realtà che la nostra Bcc sostiene. Il gruppo di volontari, che conta oltre cento associati, ha tante iniziative in cantiere «che metteremo in campo quando potremo e con gradualità», premette il presidente Nicola Tucci. Ma nel 2020 la pro loco non è rimasta ferma: «A fine maggio c’è stata Musica dai tetti, per abbracciare simbolicamente tutta la comunità di Azzate. Inoltre abbiamo proseguito nella sistemazione dell’Astrovia della Valbossa, tra Buguggiate/Azzate e Bodio Lomnago. Appena possibile ripartiremo con la nostra mostra dell’Usaa».