Itis Bernocchi, la «scuola del fare» pronta ad affrontare le sfide future

Un compleanno lungo un anno. 42Tanto sono durati i festeggiamenti per i 50 anni dell’Itis Antonio Bernocchi. Mesi in cui, compagna di viaggio dell’Itis nelle tante iniziative messe in campo, è stata la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate: un percorso che si è concluso a Palazzo Leone da Perego il 19 marzo, serata di presentazione de “L’Itis Antonio Bernocchi compie cinquant’anni”, libro scritto dalla giornalista Silvia Vignati che –parole dell’autrice– ha voluto «raccontare e restituire l’umore, il sapore di una scuola carica di esperienze facendo parlare i ragazzi, i presidi i professori, con particolare attenzione all’ultimo decennio». Il presidente della Bcc, nonché ex studente Itis, Lidio Clementi, ha sottolineato il senso dei festeggiamenti; non semplice celebrazione, ma qualcosa di diverso e di più tipico per questo istituto. «L’Itis è una scuola del fare, quel fare che è una caratteristica del nostro territorio e ne ha costruito

Nella foto di apertura, il libro scritto dalla giornalista Silvia Vignati sui 50 anni dell’istituto tecnico Bernocchi di Legnano, pubblicato grazie al sostegno della nostra Bcc, che è stato presentato durante la serata conclusiva dei festeggiamenti per il mezzo secolo di vita dell’istituto. In alto, l’intervento dell’autrice/giornalista (prima a sinistra). Più sotto, il pubblico che ha partecipato alla serata
Nella foto di apertura, il libro scritto dalla giornalista Silvia Vignati sui 50 anni dell’istituto tecnico
Bernocchi di Legnano, pubblicato grazie al sostegno della nostra Bcc, che è stato presentato durante
la serata conclusiva dei festeggiamenti per il mezzo secolo di vita dell’istituto. In alto, l’intervento
dell’autrice/giornalista (prima a sinistra). Più sotto, il pubblico che ha partecipato alla serata

la fortuna. Come unica banca locale del territorio, che ha caro il concetto del fare e care le imprese di questo territorio, auguro all’Itis altri cinquanta di questi anni. Tanti dei nostri migliori professionisti sono usciti dal Bernocchi. Alle nostre imprese e al nostro territorio serve e servirà sempre una scuola come l’Itis.». Un augurio in linea con quanto scritto nella prefazione del libro dal dirigente scolastico Giacomo Rinciari sull’atteggiamento culturale egemone in Italia: dare risalto alla cultura umanistica a discapito di quella tecnologica porta a non «coprire il 50% dei posti di lavoro nell’ambito tecnico/tecnologico a fronte di una disoccupazione intellettuale giovanile che sfiora il 25%». Presenti l’assessore provinciale all’Istruzione, Marina Lazzati, e quello legnanese alle Attività educative, Domenico Gangemi, la serata si è conclusa con la premiazione di due studenti, Andrea Lezzi e Stefano Carlessi, che hanno conseguito rispettivamente la borsa di studio dell’Apil e quella offerta dalla famiglia Nova. Premiati anche gli studenti che hanno partecipato al Forum sul PGT con Gangemi: Debora Esposito, Luca Dell’Acqua, Donato Miccoli e Jacopo Tamborini.

0 replies on “Itis Bernocchi, la «scuola del fare» pronta ad affrontare le sfide future”