Vittorio Pinciroli lascia dopo 5 mandati

Riportiamo uno stralcio dell’intervento dell’amministratore uscente, Vittorio Pinciroli (nella foto), all’assemblea dei soci del 30 aprile.
Cari Soci, è giunto il momento di salutarvi: per il raggiungimento del limite di età, termino un’intensa e bella esperienza, durata ben cinque mandati e iniziata nel 2006. In questi anni ho partecipato attivamente ai consigli di amministrazione, alle sessioni di formazione della Federazione e del Gruppo e alle assemblee della Federazione regionale e di Federcasse, acquisendo un’adeguata esperienza, professionalità e le basilari conoscenze operative bancarie. Sono molto orgoglioso di aver fatto questa significativa esperienza e credo di aver ben rappresentato la banca tutte le volte che dalla presidenza è stata richiesta la mia presenza agli eventi sul territorio, contribuendo a dare credibilità alla nostra Bcc.
Credo fermamente nella capacità e trasparenza di questa governance, che ha ben chiaro il sentimento di appartenenza alla banca e tiene costantemente in considerazione il concetto di sana e prudente gestione. A partire dalla salvaguardia del patrimonio, presidio essenziale per la capacità della banca di garantire le opportunità di crescita e di sostegno alle famiglie e alle imprese e di fronteggiare eventuali perdite; attraverso la reddittività, perseguendo con attenzione il contenimento dei costi operativi e la riduzione del credito deteriorato; il sostegno del territorio; la gestione dei soldi dei soci e dei clienti; l’erogazione del credito, soprattutto in un periodo come questo, in cui le limitazioni dovute all’attuale situazione sanitaria generano insicurezza economica e lavorativa e che costringono la banca ad assumere nuovi comportamenti per garantire credito e liquidità alle famiglie e alle imprese che devono dimostrare nei fatti progetti concreti e credibili e nei numeri e negli obiettivi la propria voglia di ripartire.
È stato un privilegio, per me, fare parte del consiglio di amministrazione e sono orgoglioso per i traguardi, gli obiettivi e per gli ottimi risultati conseguiti insieme. Sono pienamente convinto che il CdA, guidato con determinazione dal presidente Scazzosi, grazie a una competente direzione generale, al management coeso e preparato, all’attento e vigile collegio sindacale e al personale tutto, saprà condurre la nostra banca con efficacia, in questa fase delicata, verso la piena operatività con il Gruppo bancario cooperativo Iccrea e saprà interpretare il ruolo di banca locale con modalità nuove, conservando quelle caratteristiche specifiche ed originali legate alla cooperazione, alla mutualità e al localismo.
Lascio un mondo meraviglioso che mi rimarrà nel cuore per il resto della mia vita. Un grazie per la fiducia accordatami a tutti i soci, al presidente, a ognuno dei colleghi consiglieri, al collegio sindacale, alla direzione generale, al management e ai dipendenti. Un sincero augurio ai componenti eletti del nuovo consiglio di amministrazione, perché possano lavorare con serenità, al fine di portare a termine gli obiettivi e le strategie prefissate, operando come sempre secondo il principio della sana e prudente gestione.