Le iniziative sospese non fermano il CCR La voglia di partecipare è sempre più forte

Nonostante la sede chiusa e le iniziative sospese, sono tante le richieste di partecipazione che arrivano al Circolo Culturale e Ricreativo della nostra Bcc. Sembra una contraddizione, ma è il segnale concreto che il CCR c’è. Al termine di una stagione estiva che è stata indubbiamente anomala, l’associazione ribadisce il proprio impegno per i soci e i simpatizzanti. «Ci atteniamo ai decreti ministeriali: al momento non siamo ancora in grado di poter delineare una programmazione», premette la presidente del CCR, Maria Carla Ceriotti. Dopo un inizio 2020 intenso con il Capodanno a Roma, l’uscita a Milano, il concerto del Coro Divertimento Vocale per Hakuna Matata e la tradizionale assemblea di fine febbraio, tutti gli eventi sono stati sospesi. Eppure vantavano già l’adesione complessiva di quasi 350 persone. Se per la Tosca a Varese l’appuntamento è, al momento, rinviato a gennaio e lo spettacolo del Cirque du Soleil sarà a maggio, la gita a Mantova, la settimana in Toscana e il tour dell’Oman necessitano di una nuova calendarizzazione. «L’emergenza sanitaria non ha frenato la voglia di partecipazione dei nostri soci. Una disponibilità sorprendente, ma che conferma la bontà del lavoro fatto finora e l’unità del Circolo Culturale e Ricreativo che, attorno ai valori fondanti della nostra Bcc, ha creato un gruppo in continua crescita», aggiunge Ceriotti. «Ad oggi gli spostamenti in gruppo sono fortemente sconsigliati; inoltre, le restrizioni sulle presenze negli spazi chiusi ci impongono di attendere nuove disposizioni per tornare insieme. Ciononostante, il CCR dimostra anche in questi complessi mesi una vitalità per certi versi inaspettata, ma che riempie di soddisfazione il direttivo della nostra associazione e ci fa sentire ancora più uniti, anche se a distanza». Non ultimo, «l’appuntamento della nostra cena sociale è solamente rimandato: non appena sarà possibile, ci ritroveremo tutti».

La Tosca rinviata

In programma all’inizio dello scorso mese di marzo e poi spostato al 4 ottobre, sarà messa in scena il prossimo 10 gennaio la Tosca di Giacomo Puccini.
Ad ospitarla, sempre il teatro Openjobmetis di Varese. Si tratta di un progetto che è stato inserito nella programmazione 2020 del CCR e vede la nostra Bcc in prima fila nel sostenere Red Carpet Teatro e Giorni Dispari Teatro, produttori dello spettacolo.
Dopo il Don Giovanni di Mozart, la Tosca rappresenta un secondo tassello del percorso culturale intrapreso per riportare l’opera lirica a Varese, coinvolgendo gli studenti.
La cultura diventa quindi leva di crescita del territorio, partendo dalle giovani generazioni. Nella speranza che non vi siano ulteriori chiusure e divieti, l’appuntamento è per il 10 gennaio alle 17.