Adesso la Cina è ancora più vicina

Grazie a l'accordo fra Iccrea e una banca cinese sarà possibile per le imprese che lavorano con la Bcc effettuare operazioni commerciali in valuta locale. Supporto anche per le aziende che vogliono sviluppare il proprio business in Russia e Turchia

«Se il Pil locale non è negativo questo si deve alle imprese che lavorano con l’estero». È con il filtro dell’internazionalizzazione che Adalberto Tomasello, responsabile area Mercato della Bcc fotografa la la salute delle aziende del territorio. «Chi è su altri mercati, più dinamici di quello Italiano, resta a galla -sottolineacompensando così la stazionarietà della domanda interna. Per questo ci siamo attrezzati per facilitare le aziende nei rapporti commerciali con i Paesi in cui prima era complesso entrare». Alcune iniziative sostenute dalla nostra Business Line estera sono: “Iccrea Banca Impresa al fianco delle imprese che guardano oltre confine: focus su Russia e Turchia” del 26 marzo e l’apertura del conto in valuta cinese con Standard Chartered Bank di Shanghai per effettuare e ricevere direttamente pagamenti in yuan. «Abbiamo invitato oltre 160 imprese che lavorano con noi, sulla base degli affidamenti nell’operatività estero raccolti nelle nostre filiali, e abbiamo trasmesso l’elenco a Iccrea Banca, nostro partner strategico per l’estero». Da anni Russia e Turchia sono mercati in espansione e sempre più importanti per le aziende italiane; l’iniziativa di Iccrea punta ad agevolare le aziende che guardano a questi Paesi, ad accompagnarle per consentire di sviluppare il proprio business con partner locali. È significativo che questo compito sia svolto da una banca di secondo livello come Iccrea; iniziative analoghe, infatti, sono proposte di solito da associazioni di categoria. Dimostra l’attenzione alle imprese che vogliono allargare gli orizzonti operativi». Numeri, quelli delle imprese orientate all’estero, in crescita, come dimostra il +874% delle transazioni registrato fra il 2010 (prima autorizzazione di utilizzo dello Yuan) e il 2012. Adesso anche le aziende clienti della Bcc velocizzeranno le proprie operazioni commerciali effettuandole direttamente in valuta cinese. «Per le aziende sarà sempre più determinante cercare opportunità all’estero –conclude Tomasello–; supportarle per muovere i primi passi e metterle in condizione di operare al meglio è dare un aiuto indispensabile alla nostra economia».

0 replies on “Adesso la Cina è ancora più vicina”