La carica dei sei di Zelig per chiudere in bellezza tra le risate

Non ci sono tutti, sarebbe stato impossibile, ma il plotone degli artisti di Zelig –marchio che non ha bisogno di presentazioni e che aveva già caratterizzato il nostro PalaBcc di Busto Garolfo nel 2003- che terranno lo spettacolo di chiusura della nostra festa è davvero nutrito. Sei gli artisti che calcheranno il palcoscenico allestito a Malpensa Fiere, a partire dalle 21 di domenica 25 settembre, per un paio d’ore di risate e –lo speriamo vivamente, ma già abbiamo flebili conferme– per un divertente fuori teatro con la spaghettata di mezzanotte. I biglietti, in vendita in tutte le filiali della nostra Bcc, sono in tutto 1.700: un centinaio i posti numerati delle prime tre file (20 euro), tutti gli altri a posto unico (15 euro). Ma veniamo agli artisti, che presentiamo in rigoroso ordine alfabetico.

11Beppe Braida, cabarettista e attore dal 1989, ha all’attivo oltre trecento spettacoli e la partecipazione a Striscia la Notizia. Fa parte di Zelig dal 1998. Esilarante protagonista di spettacoli giocati sul comune senso dell’umorismo, Beppe Braida interpreta quello che la vita mette in scena quotidianamente alle spalle di tutti noi: i suoi telegiornali satirici sono diventati celebri in tutta Italia.

14Alessandro Fullin, nato a Trieste nel 1964, laureato al Dams presso l’Univer-sità di Bologna, è un autentico transgender scenico, che inventa e interpreta eroi effeminati e sognanti regine, mescolando surrealismo e avanguardia. Ha fatto cinema e televisione e nel 2004 è approdato a Zelig Off, dove è stato riconosciuto come una delle rivelazioni della fortunata serie tv. Il vocabolario della sua “Tuscolana” è già diventato slang.

12Teresa Mannino, una giovane promessa di Zelig, una comicità fresca e accattivante. Teresa Mannino è Cetti: una signora siciliana, piccolo borghese trapiantata a Milano. Cetti è esile ma determinata. È chiacchierona, ma non ha amici. Il marito non ha mai tempo, il portinaio è straniero, i vicini sono tutti al lavoro: per scambiare quattro parole ha dovuto trovarsi un impiego, lei che non è fatta per lavorare…

13Diego Parassole, un torinese di un metro e 62 centimetri dalla comicità travolgente, che ha una vera ossessione per la necessità di co-municare. Così i suoi spettacoli trattano di tutto: dal rapporto fra generazioni, al mondo multimediale, alla satira politica e sociale, sempre attraverso una lente d’ingrandimento di critica intelligente. Di lui la gente sa che porta un giubbino giallo fosforescente e che gli “girano gli ammennicoli”.

15Pozzoli & De Angelis. Gianmarco Pozzoli è per alcuni un genio, per altri l’assistente del sommelier del Latte Granarolo. La sua comicità è fatta di situazioni e tematiche paradossali, a cavallo tra il nonsense e il puro esperimento. Gianluca De Angelis, esponente del gruppo del Laboratorio Scaldasole, è dotato di capacità verbali eccezionali ed è rapidissimo nel rapporto con il pubblico. In coppia, formano un duo dai risultati imprevedibili, una coppia comica inarrestabile.

0 replies on “La carica dei sei di Zelig per chiudere in bellezza tra le risate”