Il punto del Presidente

L'editoriale del presidente del Consiglio di Amministrazione

Caro Direttore, il momento in cui ti abbiamo chiamato a dirigere la nostra banca è, per noi e per il territorio ove è allocata, basilare. Per il nostro territorio, perché i nostri imprenditori hanno, probabilmente, compreso che questa crisi economica non è una di quelle che, ciclicamente nel passato, ci coinvolgevano e che bastava solo “avere le spalle forti” per aspettare che passasse. Questa è diversa: Euro, Asia, fabbisogno di fonti energetiche e di materie prime, ci spingono a ripensare completamente il nostro modo di fare economia ed azienda. E qui, la nostra Bcc deve svolgere un ruolo preciso nei confronti dei nostri imprenditori, non solo standogli “a fianco”. A volte occorrerà stargli “davanti”, facendo da traino nei loro momenti di incertezza e mostrando loro le soluzioni per uscire dal tunnel. Altre volte “stando dietro” ai loro progetti e alla loro capacità di innovare ed innovarsi. Momento basilare anche per la nostra Bcc, dicevo, in quanto, da piccola realtà che coinvolgeva pochi paesi, sta diventando attore principale di un territorio vasto ed importante. Le famiglie e le aziende si aspettano molto da noi. E noi dobbiamo essere all’altezza, migliorandoci ogni giorno in professionalità e competenza, restando però fedeli al nostro cuore antico, ricco di valori e capace di ascoltare. So di non sbagliarmi nel dire che il CdA ha scelto bene nel rivolgersi a te. La tua vasta competenza professionale, il tuo approccio rigoroso ed ottimista al lavoro, la tua capacità di coinvolgere, con entusiasmo, chi ti lavora accanto, fanno di te l’uomo giusto per far conquistare quel primario ruolo di attore sociale ed economico che a questa Bcc compete per storia e vocazione.

di Silvano Caglio

0 replies on “Il punto del Presidente”