Nel 1878 Poretti portò nel mondo la birra pilsner «targata» Varese

Il vino, prima, la birra poi. La nostra Bcc, di fronte alle occasioni di festa, non lascia nulla al caso: nemmeno il nettare con cui festeggiare. Nel pieno spirito che anima la tradizione del nostro Credito Cooperativo, anche nelle occasioni “mondane” il localismo e la tradizione contraddistinguono l’operato della Banca. Per la “Festa del Socio” (in programma dal 22 al 25 settembre a Malpensa Fiere), partner della manifestazione sarà il marchio “Birra Poretti”, una delle “pilsner” più illustri nel panorama internazionale della birra e che, come è ben noto, è una produzione tutta varesina. E il nostro invito, fatto nel nome del comune territorio di origine, a legarsi al nostro evento che si terrà nei capannoni di Malpensa Fiere, è stato accolto con entusiasmo dal marchio “Poretti”, che dal 1877 è sinonimo di birra di qualità e che oggi è gestito dal gruppo Carlsberg. Fu infatti lo stabilimento varesino a introdurre in Italia la fabbricazione della birra “pilsner” (a bassa gradazione), decretandone il successo che, oggi, riscuote la bionda nel Bel Paese. Il tutto grazie alla lungimiranza di Angelo Poretti che, dopo aver lavorato in Austria e Boemia come appaltatore di linee ferroviarie, ha avuto l’idea di importare in Italia lo speciale luppolo per la produzione della birra. E con il luppolo, anche un mastro birraio che conoscesse i segreti della fermentazione. La scommessa era stata lanciata e le prime birre sono state messe in commercio nel 1878, nella “Birreria Poretti” di Varese, che si trovava in piazza Beccaria. Il successo fu immediato. Nel 1884, il fondatore di uno dei marchi più prestigiosi al mondo fu nominato presidente del Comitato permanente dell’associazione birrai. Angelo Poretti, scomparso nel 1901, lasciò in eredità la sua passione (perché di passione si trattava) ai nipoti Edoardo Chiesa e Angelo Magnani che, nel 1922, trasformarono la società in SpA e, nel 1935, effettuarono la fusione con la famiglia Bassetti di Gallarate, che aveva maturato un’analoga esperienza nel campo della Birra a Chiavenna. La storia della birra Poretti si intreccia con la storia economica della provincia di Varese e dell’intera Nazione. Una storia che, a distanza di 130 anni, si sposa con la nostra Bcc.

08Un venerdì giovane tra complessi, birre da tutto il mondo e grandi vini

Degustazione di vini e di birre dal mondo, queste ultime targate Carlsberg (tra cui spicca il marchio tutto varesino Poretti che sarà servito sia in bottiglia sia alla spina), e tanta musica giovane per la seconda serata della Festa della Bcc. Il programma di venerdì 23 settembre, infatti, prevede l’esibizione di band provenienti dal territorio che producono musica rock, pop, hip hop e reggae. La nostra Bcc, anche in ambito artistico, si presenta come una realtà alla ricerca dello sviluppo del localismo. Così, il concorso musicale vedrà premiata la migliore band con la registrazione di un cd-demo da presentare alle case discografiche. Un ottimo stimolo per tutti quei gruppi musicali della zona che non hanno le possibilità economiche per farsi conoscere e che, la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, sostiene con convinzione e affetto. Le fasi di selezione dei gruppi termineranno pochi giorni prima delle esibizio- ni. Il concerto inizierà alle 21, mentre i cancelli di Malpensa Fiere saranno aperti al pubblico alle 18,30.

0 replies on “Nel 1878 Poretti portò nel mondo la birra pilsner «targata» Varese”