Fai Credito Rilancio di Regione Lombardia per abbattere i tassi di interesse. Le istruzioni.

Fai Credito Rilancio è la nuova misura promossa da Regione Lombardia e il Sistema Camerale Lombardo, per prevenire la crisi di liquidità delle MPMI a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19, e per migliorare l’accesso al credito da parte delle imprese.

In particolare, l’intervento si articola nell’erogazione di contributi a fondo perduto per l’abbattimento tassi su:

  • finanziamenti per la liquidità delle imprese
  • finanziamenti per investimenti

SOGGETTI BENEFICIARI

Possono accedere al bando le MPMI di tutti i settori economici aventi sede operativa e/o legale in Lombardia, che

  • sono attive e in regola con l’iscrizione al Registro Imprese
  • sono in regola con il pagamento del diritto camerale
  • hanno legali rappresentanti, amministratori e soci per i quali non sussistono cause di divieto, decadenza, sospensione
  • hanno assolto agli obblighi contributivi (DURC regolare).

TIPOLOGIA AGEVOLAZIONE

I contributi a fondo perduto sono concessi sulla base del “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del Covid-19 e s.m.i”.

Per beneficiare del contributo, le imprese devono stipulare un contratto di finanziamento con un Istituto di Credito (banche) e/o un Confidi di importo minimo pari a €10.000.

Il finanziamento che può essere destinato alla liquidità o alla copertura di investimenti, è agevolabile nei limiti di 150.000 euro e per una durata da 12 a 36 mesi (compreso un preammortamento di 24 mesi), che potrà anche essere estesa fino a 72 mesi dal bando attuativo dei presenti criteri.
Finanziamenti di importo più elevato e con una data maggiore sono agevolabili nei massimali stabiliti.

PROCEDURA

L’assegnazione del contributo avverrà con procedura “a sportello” con prenotazione delle risorse secondo l’ordine cronologico di invio telematico della richiesta e fino ad esaurimento delle risorse a disposizione e comunque entro e non oltre il 10/11/2021 per consentire la concessione entro il 31/12/2021.

Le domande di partecipazione devono essere trasmesse dai Confidi o direttamente dalle MPMI esclusivamente in modalità telematica, con firma digitale.

Per richiedere maggiori dettagli o una consulenza personalizzata, compila il form sottostante. Sarai ricontattato dai nostri specialisti!

Tutte le Faq pubblicate

Sono ammissibili i finanziamenti sottoscritti con Società finanziarie di ogni tipo?

No, verranno ammessi solo i finanziamenti sottoscritti con istituti di credito (banche) oppure con Confidi per operazioni di liquidità e di investimento e, con Finlombarda, limitatamente alla misura a favore del rafforzamento patrimoniale.

Quali rinegoziazioni di contratti in essere non sono ammissibili?

Non sono ammissibili le rinegoziazioni di quei finanziamenti che abbiano già ricevuto un’agevolazione in conto interessi come ad esempio per il bando FICREDITO 2020 e CREDITO ORA 2021.

Se ad un finanziamento già in essere viene concessa un ulteriore quota solo per liquidità e/o per investimenti è possibile presentare domanda?

Sì, a patto che la quota di ulteriore (o per liquidità o per investimenti) sia ben tracciata sul contratto di finanziamento oppure facendosi redigere una dichiarazione dalla banca e/o del Confidi che asserisca che, ad esempio:

  • –  al contratto in essere di 100.000 Euro sono state aggiunte ulteriori 20.000 Euro per liquidità o per investimenti. In questo caso il contributo verrà calcolato solo sulle 20.000 Euro aggiuntive ma conservando i parametri iniziali del finanziamento: durata e TAEG.
  • –  Se sono state aggiunte 20.000 Euro per liquidità e altre 30.000 Euro per investimenti, in questo caso il contributo verrà calcolato solo sulle 50.000 Euro aggiuntive ma conservando i parametri iniziali del finanziamento: durata e TAEG.

    Un’impresa che ha partecipato al bando FAICREDITO 2020 oppure al CREDITO ORA 2021 ricevendo il beneficio, può partecipare al FAICREDITO RILANCIO 2021?

    Sì, a patto che presenti un nuovo contratto di finanziamento e non lo stesso già presentato sui precedenti bandi.page2image2639873568 page2image2773931616

Il modello di domanda allegato A deve essere firmato digitalmente dal Legale Rappresentate dell’impresa?

Sì, solo ed esclusivamente da lui.

In caso di presenza di procura speciale (All. B) la delega dovrà essere firmata digitalmente sia dal Legale Rappresentante che dal soggetto delegato. In quest’ultima caso il resto della documentazione obbligatoria (contratto di finanziamento e relativo piano di ammortamento, dichiarazioni del confidi ove presente, eventuale All. C ecc..) potranno essere firmate sempre digitalmente solo dal soggetto delegato dell’impresa.

I finanziamenti sottoscritti nell’anno 2020 possono essere presentati?

No, possono essere presentati i finanziamenti con data di stipula a partire dal 1° gennaio 2021.

Se il finanziamento presentato in domanda è già stato oggetto di agevolazione in altro bando per l’abbattimento del conto interessi, è possibile presentarlo un’altra volta?

No, in questo caso la domanda verrà respinta.

Possono essere presentati più finanziamenti?

No, ogni domanda deve comprendere 1 solo contratto di finanziamento e 1 solo allegato A.

Sono ammissibili finanziamenti per importi superiori a 150.000 Euro e/o con un tasso di interesse superiore al 3% e/o con durata superiore ai 36 mesi?

Sì, sono ammissibili anche tali finanziamenti ma l’importo del contributo verrà calcolato in funzione dei parametri massimi previsti dal Bando (per l’appunto € 150.000, 3% e 36 mesi).

Sono ammissibili finanziamenti inferiori ai 10.000 Euro?

No.

Quali settori economici (codi Ateco) possono presentare domanda?

Tutti.

Per poter richiedere il contributo per l’abbattimento parziale del costo della garanzia è necessario che la domanda venga presentata da un Confidi?

Sì, in tal caso la domanda deve essere obbligatoriamente presentata da un Confidi e corredata sempre dall’ all. B (delega).

Il parere favorevole del Confidi attestante la conformità della domanda di contributo alle finalità e ai principi del bando da allegare per le domande presentate da Confidi deve avere un formato particolare?

Non è previsto alcun formato standard ma è importante che sia un documento redatto su carta intestata del Confidi e firmato digitalmente dalla stessa persona che firma digitalmente l’allegato C (delega).page3image2774277184

Il contributo da indicare in domanda va calcolato autonomamente dall’impresa richiedente o dal Confidi?

Il contributo richiesto verrà calcolato automaticamente dal modulo di domanda (all. A) in funzione dei dati obbligatori inseriti.

Il contributo viene erogato da Unioncamere Lombardia?

No, il contributo viene erogato sempre e solo dalla Camera di Commercio sede dell’intervento indicato nell’allegato A.

Un’impresa con sede legale extra Lombardia può presentare domanda?

Sì, a patto che abbia un’unità operativa in Lombardia riscontrabile dalla visura camerale.
In questo caso è fondamentale specificare nell’ all. A la sede di intervento richiesto da parte dell’impresa.

Gli interessi pagati nel periodo di preammortamento sono agevolabili?

Sì, sono agevolabili ma sono da intendersi inclusi nel periodo massimo di 24 mensilità.

Ad es., se il finanziamento prevede 12 mesi di preammortamento e 36 mesi in totale di rimborso di capitale e interessi, nel modulo di domanda inserirete 12 mesi di preammortamento 36 mesi alla voce durata del finanziamento.

Ad es., se il finanziamento prevede 36 mesi di preammortamento e 72 mesi in totale di rimborso di capitale e interessi, nel modulo di domanda inserirete 24 mesi di preammortamento e 72 mesi alla voce durata del finanziamento.

Ad es., se il finanziamento prevede 24 mesi di preammortamento e 72 mesi in totale di rimborso di capitale e interessi, nel modulo di domanda inserirete 24 mesi di preammortamento e 72 mesi alla voce durata del finanziamento.

La copia del contratto di finanziamento e relativo piano di ammortamento da allegare in domanda, devono riportare le firme dei contraenti?

Deve riportare obbligatoriamente almeno la firma del soggetto che eroga il finanziamento in questo caso o dell’istituto di Credito (Banca) o del Confidi o di Finlombarda spa, al fine di accertare l’avvenuta realizzazione del credito.

La domanda di contributo è assoggettata al pagamento di una marca da bollo?

No, la procedura di presentazione della domanda in Webtelemaco è assolutamente gratuita, qualora il sistema dovesse chiedervi di “ricaricare il credito” contattate subito il servizio di assistenza del portale al numero 049/2015215.

E’ possibile utilizzare le credenziali e/o un’utenza di Webtelemaco non intestata al titolare dell’azienda richiedente?

Sì, solo per accedere al portale Web Telemaco rispettando però le firme digitali che devono essere apposte sui documenti obbligatori come da indicazioni previste dal bando.page4image2774253520 page4image2774253808

Nella compilazione della domanda in Webtelemaco occorre indicare l’IBAN dell’impresa?

Si, sempre.

Quale tasso di interesse è agevolabile?

Il tasso di interesse da indicare in domanda su cui calcolare il contributo è sempre il TAEG, fermo restando che il tasso massimo agevolabile non può comunque andare oltre il 3%.

Ad esempio:

  • TAEG 2,3%: il tasso agevolabile da inserire in domanda è il 2,3%
  •  TAEG 4,5%: il tasso agevolabile da inserire in domanda è il 3% (il TAEG agevolabile non può

    andare oltre il 3%).

I finanziamenti con TAEG oltre il 5% sono ammissibili?

Sì, sono ammissibili a condizione che il TAN non superi il 5%. Ad esempio:

  • TAN 2,5%, TAEG 3,5%: il tasso agevolabile da inserire in domanda è il 3% (il TAEG agevolabile non può andare oltre il 3%)
  • TAN 5%, TAEG 7%: il tasso agevolabile da inserire in domanda è il 3% (il TAEG agevolabile non può andare oltre il 3%)
  • TAN 5,1%, TAEG 6%: il finanziamento non è agevolabile perché il TAN è superiore al massimo consentito