I risultati delle elezioni europee disponibili in tempo reale su www.election-results.eu

Oggi si vota fino alle 23 e poi? Se vogliamo vedere i risultati delle elezioni di tutta Europa in diretta, basta andare sul sito creato appositamente dall'UE.

Il Parlamento pubblicherà le stime nazionali a partire dalle 18:00 e presenterà la prima proiezione dei seggi del nuovo Parlamento alle 20:15, sulla base dei dati nazionali disponibili. Le proiezioni dei seggi saranno aggiornate nel corso della notte con l’arrivo delle stime e dei risultati ufficiali dagli Stati membri. I risultati globali provvisori sono attesi intorno alle 23:15.

L’Italia manderà a Strasburgo 73 deputati, che diventeranno 76 nel momento in cui il Regno Unito abbandonerà ufficialmente la Ue. Il sistema elettorale utilizzato è quello proporzionale e la soglia di sbarramento è al 4%. Si voterà fino alle 23 di oggi.

Saranno chiamati alle consultazioni elettorali tutti i cittadini aventi diritto al voto di tutti gli Stati membri dell’Unione Europea (circa 400 milioni di persone).

Sarà la nona volta che i cittadini dell’UE si recheranno alle urne per eleggere i rappresentanti del Parlamento europeo. Le prime elezioni a suffragio universale si sono tenute nel 1979.

Per votare in Italia si dovrà tracciare con una matita un segno sul contrassegno corrispondente alla lista prescelta o nel rettangolo che lo contiene. Può esprimere da uno a un massimo di tre voti di preferenza, che devono riguardare candidati di sesso diverso, pena l’annullamento della seconda e della terza preferenza espressa. Le preferenze possono essere espresse solo per i candidati compresi nella lista votata, attraverso il nome e cognome (in casi di omonimia) dei candidati scelti.

In 4 stati (Belgio, Cipro, Grecia, Lussemburgo) è obbligatorio recarsi alle urne mentre in tutti gli altri è facoltativo.

In Italia votare è considerato un “dovere civico” (Costituzione della Repubblica Italiana – Parte prima, Diritti e doveri dei cittadini – Titolo IV, Art. 48)

Dal 1979, anno delle prime elezioni a suffragio universale per il Parlamento europeo, la percentuale dei votanti è andata calando: da 61,99% (quando l’UE si componeva di 9 stati membri) al 42,61% nel 2014 (28 Stati membri).

Nel 2014 l’affluenza media ha fatto registrare notevoli differenze tra i vari paesi. Ai primi posti il Belgio (89,64%) e il Lussemburgo (85,55%) – dove il voto è obbligatorio-, seguiti da Malta (74,08%). Fanalino di coda la Slovacchia con una percentuale di votanti del 13,05%. Tra i grandi paesi la Germania con il 48,01% e la Francia con il 42,43%. In Italia ha invece votato il 57,22% degli aventi diritto.