Grande successo a Buguggiate del pop e del gospel d’autore

74Non vi era alcun dubbio: la Chorus Band ha dimostrato, ancora una volta, di essere una delle realtà musicali italiane più singolari e al tempo stesso tecnicamente preparate, riscuotendo un grande successo di tutto il pubblico presente. Il 14 maggio, a Buguggiate, nei locali del teatro San Vittore di via Trieste, infatti, per l’esibizione del gruppo di Como sono accorsi tantissimi spettatori, sia appassionati sia neofiti del genere di musica “a cappella”, cioè senza strumenti musicali. L’affluenza di pubblico, come detto, è stata decisamente positiva. E ai tanti soci e clienti di Buguggiate si sono aggiunti moltissimi Soci del nostro Credito Cooperativo che sono arrivati da Busto Garolfo per seguire le prestazioni dei nove componenti della band, guidati con professionalità e abilità dal maestro Mario Marelli, che hanno eseguito brani di musica pop e gospel. Tra “Immagine” di Jhon Lennon, “Stand by me” di Ben King, “The sound of silence” di Simon e Garfunkel, passando per i brani gospel e spirituals più famosi, la Chorus Band ha dimostrato anche a Buguggiate che i riconoscimenti conferiti al gruppo sono più che meritati. Nata all’inizio degli anni ’90, la band ha iniziato a essere conosciuta nel panorama musicale nazionale nel 1996, quando ha vinto il primo premio assoluto al concorso canoro Villa Rassegna organizzato dal conservatorio di Milano. Poi, uno dietro l’altro premi e riconoscimenti di stima tanto che le principali radio italiane li hanno voluti come ospiti. Dal 1997, la band ha iniziato il suo girovagare per l’Italia dimostrando di essere una delle realtà più atipiche della musica, ma anche una delle più interessanti. Dalla Sardegna alla Svizzera, passando per l’Isola d’Elba, Salsomaggiore Terme, Rovigo e Modena, i nove ragazzi guidati da Marelli hanno dimostrato di avere le capacità per andare ancora più in là. E, come spesso è capitato, anche a Buguggiate hanno lasciato il pubblico a bocca aperta.

0 replies on “Grande successo a Buguggiate del pop e del gospel d’autore”