Al Castello le barbe che fanno storia

Festeggiare e capire i 150 anni dell’Unità d’Italia attraverso le barbe dei protagonisti dell’epoca. È con questo spirito che, dal 13 al 25 settembre, nei locali del Castello Visconteo di Legnano, è stata organizzata la mostra “Barbe d’Italia”. Nata da un’idea di Giovanna Mazzoni e di Enrico Ercole, Barbe d’Italia è stata promossa da Confartigianato Alto Milanese in collaborazione con l’associazione Atelier Gluck Arte di Milano, con il contributo del Comune di Legnano e della nostra Bcc. Filo conduttore dell’esposizione, le undici riproduzioni di barbe “storiche” realizzate dal laboratorio Lia Parrucche di Legnano per far rivivere altrettanti personaggi del Risorgimento italiano; a corredo della mostra anche testimonianze d’epoca come giornali, figurini, documenti, libri, monete, francobolli e stampe, oltre ad autentici attrezzi da barbiere e alcune chicche, come le ciocche di capelli di Giuseppe e Anita Garibaldi. Esposte anche molte opere originali di artisti e artigiani del territorio, chiamati da Confartigianato Alto Milanese a dare il loro contributo all’iniziativa. All’inaugurazione è intervenuta Cecilia Cardani, del consiglio di amministrazione della nostra Bcc: «Per raccontare la storia d’Italia questa mostra dà la parola ad alcune delle realtà artigianali più vitali del Legnanese e dell’Alto Milanese -ha detto-. Nel solco del percorso di collaborazione con Confartigianato, ormai consolidato, dare un contributo a questa iniziativa ci è sembrato bello, giusto e in linea con l’operato della nostra Banca»

0 replies on “Al Castello le barbe che fanno storia”