Lago di Varese: il risanamento continua. Ecco a che punto siamo.

La prima fase riguarderà Varese, Buguggiate e Cazzago Brabbia. ’opera di comunicazione sara’ affidata al Liceo artistico Frattini di Varese, l’attività di fine di creazione di un logo per l’Aqst

L’assessore all’Ambiente e Clima della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo, fa il punto sui lavori al Lago di Varese.

‘MACROAZIONE A RETE FOGNARIA – Sono state raccolte e organizzate le segnalazioni sul malfunzionamento del sistema fognario. Iniziera’ nelle prossime settimane l’attività di rilievo topografico del reticolo fognario del lago e si stanno studiando i carichi, in tempo di pioggia, dagli sfioratori fognari. Entro il 2021 ci sara’ il completamento di tutto il monitoraggio. “Sono stati individuati gli interventi prioritari – ha evidenziato Cattaneo -, abbiamo recepito la progettazione esistente e ciò, già in autunno, consentirà di fare i primi interventi sulle fogne”. “Inoltre – ha aggiunto – e’ stata assegnata la gara sul monitoraggio degli oltre 1000 chilometri di fogne attorno al lago, che richiedera’ un lavoro di due anni e mezzo, che sara’ fatto in modo progressivo, cosi’ da poter avere il quadro completo degli interventi necessari. La prima fase riguarderà Varese, Buguggiate e Cazzago Brabbia”.

‘MACROAZIONE B, MONITORAGGIO DELLE ACQUE – Le attività di monitoraggio sono svolte mensilmente e prevedono: installazione delle boe per il monitoraggio delle acque; la verifica degli elementi biologici e la presenza di potenziali patogeni nel lago di Varese, nel fiume Bardello e nel Lago Maggiore; il controllo dei parametri microbiologici e della fioritura di alghe. “Abbiamo fatto accordi sia con Università dell’Insubria sia con il Cnr – ha confermato Cattaneo – e abbiamo assegnato alla Provincia le risorse per poter inserire nel Lago, insieme ad Arpa, le boe che misureranno in maniera permanente la qualità delle acque dentro il Lago, sul Bardello e alla foce del Bardello nel Lago Maggiore, per monitorare la situazione”. La Segreteria tecnica ha valutato infine le proposte di tecnologie innovative. “Abbiamo verificato tutte le tecnologie che ci sono state segnalate in questi mesi – ha spiegato l’assessore – e nessuna di queste dimostra di avere soluzioni risolutive per il risanamento del Lago. Proseguiremo con la verifica di tutte le proposte che arriveranno”.

‘MACROAZIONE C, RIATTIVAZIONE IMPIANTO DI PRELIEVO IPOLIMNICO – “Il prelievo ipolimnico – ha detto Cattaneo – sara’ riattivato e la sperimentazione comincera’ gia’ da questo mese. Sono state presentate una pluralità di soluzioni, che verranno sperimentate al fine di abbattere i cattivi odori, che sono quelli che hanno portato, nel 2004, alla sospensione delle attività”. Si tratta di un impianto che prevede il prelievo delle acque più profonde, cariche di inquinanti (fosforo) e povere di ossigeno, perché possano essere riversate fuori dal Lago e consentire la riossigenazione del bacino, per contrastare i fenomeni di eutrofizzazione. L’impianto funziona, tuttavia sono previsti
degli interventi di miglioramento e di ammodernamento. Tra i risultati attesi: il controllo delle emissioni odorigene; la
gestione integrata; la riduzione dei costi con un impianto fotovoltaico e l’aumento dell’efficacia del prelievo con
allungamento del periodo di esercizio.

MACROZONE D SALVAGUARDIA DELLA BIODIVERSITA’ –  Tra i primi interventi previsti c’e’ la costituzione di una task force che valuti, gia’ nei prossimi giorni, la possibilità di avviare una navigazione pubblica elettrica sperimentale, per i mesi di agosto e settembre – ha affermato Cattaneo -. Se sara’ possibile, e se troveremo un interlocutore che noleggi un battello elettrico adeguato, il Comune e la Provincia di Varese e i Comuni rivieraschi si sono resi disponibili alla sperimentazione da subito di una navigazione anche con finalità turistiche”. La cooperativa dei pescatori ha proposto al Comitato un progetto per la tutela della fauna ittica del Lago di Varese. “Oggi ci sono tre specie che hanno distrutto le specie autoctone (siluro, gardon e carasso) – ha affermato l’assessore – e vorremmo poter individuare un progetto che riporti nel Lago di Varese il pesce persico, l’alborella, il luccio e il triotto, le specie tipiche del nostro territorio”.

‘MACROAZIONE E COMUNICAZIONE – L’opera di comunicazione sara’ affidata al Liceo artistico Frattini di Varese, l’attività di fine di creazione di un logo per l’Aqst. Alla scuola sara’ riconosciuto un premio per l’acquisto materiale didattico. “Sono stati mesi di lavoro molto intenso – ha concluso Cattaneo -. Ci ritroveremo alla fine di settembre per monitorare l’ulteriore avanzamento dei lavori”.