Contributi a fondo perduto per partecipare a fiere internazionali che si svolgono in Lombardia

L’aiuto si compone di un’agevolazione a fondo perduto da minimo 4.000 euro a massimo 15.000 euro, per la partecipazione a una o più fiere internazionali lombarde nel biennio 2020-2021

Su proposta dell’assessore allo Sviluppo Economico Alessandro Mattinzoli, è stato approvato un bando per la concessione di contributi a fondo perduto alle micro, piccole e medie imprese (MPMI) per la partecipazione a fiere internazionali che si svolgono in Lombardia. Lo scopo del bando, che si aprirà in autunno, è proprio quello di promuove l’attrattività del “sistema Lombardia” sui mercati globali creando occasioni di incontro tra imprenditori italiani ed esteri finalizzati ad accordi imprenditoriali e commerciali; la misura sostiene infatti la partecipazione delle imprese lombarde alle fiere con qualifica internazionale, riconosciuta da Regione, che si svolgono in Lombardia.

L’aiuto si compone di un’agevolazione a fondo perduto da minimo 4.000 euro a massimo 15.000 euro, per la partecipazione a una o più fiere internazionali lombarde nel biennio 2020-2021. L’intensità di aiuto va dal 50% al 70% della spesa, premiando i progetti che prevedono più fiere, le micro imprese e le startup. “Anche con questo provvedimento – ha spiegato l’assessore Mattinzoli ad askanews – dimostriamo il pieno sostegno alle nostre micro, piccole e medie imprese perché possano accedere alle migliori opportunità per incontrare i mercati esteri. La forza del nostro sistema fieristico sta soprattutto nella capacità di saper portare l’estero in casa”.