Nuove banconote da 100 e 200 euro, fine della stampa di quelle da 500 euro

Le nuove banconote oltre al ritratto nella filigrana e nell'ologramma avranno tagli più difficili da falsificare. Le banconote da 500 euro restano valide, ma non stanno più stampate

Ora anche le banconote da 100 e 200 euro saranno più piccole. La Bce, inoltre, ha migliorato le tecniche anti-contraffazione e reso i biglietti ancora più resistenti all’usura e ai lavaggi indesiderati. Lo scopo principale del cambiamento è quello di rendere più difficile falsificarle e il cambiamento va in un’ottica di contrasto ai patrimoni accumulati in nero “sotto i materassi”.  Ma non solo, in un’ottica di contrastare la corruzione e il nero non verranno più stampate le banconote da 500 euro, quelle in circolazione resteranno valide, manterranno sempre il loro valore e potranno essere cambiate presso le banche centrali dell’Eurosistema per un periodo di tempo illimitato.

Le nuove banconote oltre al ritratto nella filigrana e nell’ologramma, stratagemma già usato per la banconota da 50 euro, questa volta, i due nuovi tagli avranno altri elementi, difficili da falsificare. Bankitalia spiga chenella parte superiore della striscia argentata si può vedere un ologramma che reca un piccolo simbolo euro che ruota, come un satellite, intorno al numero indicante il valore”. Inoltre, “il numero verde smeraldo è stato raffinato, si può vedere in tutti i tagli della serie Europa ma nella 100 e nella 200 euro mostra anche il simbolo dell’euro, che compare più volte all’interno del numero

Si chiude, così,  l’iter di modernizzazione della carta moneta, iniziato il 2 maggio 2013 con l’introduzione della nuova serie della banconota da 5 euro, proseguito poi il 23 settembre 2014 con la nuova banconota da 10; il 25 novembre 2015 è stata la volta della banconota da 20 euro e il 4 aprire 2017 è stato rifatto il look a quella da 50.