La festa della Bcc fa tendenza

«Siamo felici di avere creato un evento che già dal suo primo appuntamento ha fatto tendenza. Abbiamo incontrato molti dei nostri Soci, ma non solo. Un pubblico di tutte le età è passato per i capannoni di MalpensaFiere. Un evento assolutamente da ripetere. Cultura, divertimento, business e solidarietà sono le quattro parole chiave che hanno caratterizzato queste giornate». Sta in questo commento del nostro presidente, Silvano Caglio, il bilancio della prima Festa della Bcc, che si è tenuta nei due padiglioni di Malpensa Fiere dal 22 al 25 settembre. La nostra kermesse si è aperta con “Le Teresate” della compagnia teatrale I Legnanesi. Uno spettacolo interamente dedicato ai Soci, fatto di pettegolezzi, litigi, piccoli veleni quotidiani delle corti lombarde nella giornata tipo di inizio secolo. La serata del “Cunta su Teresa” si è dipanata tra un battibecco e una ripicca, uno sfottò e una chiacchierata serena, tra una vista alla Cassa rurale di Busto Garolfo e un salto in chiesa per confessarsi e sapere le ultime nuove del paese. Si è continuato il venerdì, con il primo Music Festival targato Bcc, associato ad un happening della birra. Per l’occasione, ci siamo legati allo storico marchio della Birra Poretti, che nel secolo scorso rese famosa Varese in tutta Italia. «Il rilancio del territorio, infatti, passa anche dalla valorizzazione dei suoi marchi», spiega il presidente Caglio e il marchio Poretti ha segnato un capitolo decisivo della storia della birra italiana, poiché allo stabilimento varesino va il merito di aver introdotto nel nostro Paese la fabbricazione della bionda birra pilsner a bassa gradazione. Birra a fiumi, ma anche tanta musica, con sette gruppi del nostro territorio: Bounce Belvedere (Hip Hop), Ninive (Alternative Folk), Reggaeboom band (Raggae), Black Elk (roots Rock), Ariadineve (pop Rock), Navinbottiglia (cantautori) e Vappa (Funky). Le band si sono sfidate in un vero e proprio festival e, alla fine, la giuria, formata da Giovanni Arzuffi, musicista, Gianfranco d’Adda, già batterista di Battiato, Gianni Tadini, discografico di “Giovani talenti”, Romeo Mazzuchelli, presidente di MalpensaFiere, Silvano Caglio e Alberto Morandi, ha decretato il successo dei Navinbottiglia, formazione acustica di cantautori nata a Busto Garolfo. Tutti locali e di gran talento i componenti: al contrabbasso Davide Buratti, alla batteria Danilo Pisoni, alla chitarra Nando Buratti e alla voce William Brambilla. Bagno di folla anche sabato, nella serata dedicata al ballo liscio sulle note del folk nostrano proposto dall’orchestra di Paola Damì. Una serata in qualche modo obbligata, visto che l’italico costume vuole che la musica nata in Casa Romagna faccia da colonna sonora per ogni momento di festa. E in occasione della nostra kermesse non poteva essere altrimenti: ballerini di tutte le età hanno assiepato la pista, applaudito l’esibizione dei professionisti e tirato le due del mattino tra una polka, un valzer e un lento. Gran finale domenica, con i comici di Zelig. Sul palco Alessandro Fullin, la più famosa professoressa d’Italia, ha tenuto una lezione straordinaria di Tuscolano. Con lei si sono alternati l’operaio Pistolazzi, Diego Parassole, i telegiornali di Beppe Braida, la comicità made in Sicily di Cetti, Teresa Mannino, e gli amici nemici Pozzoli & De Angelis. Un pubblico entusiasta ha decretato il successo della serata. Dopo tanto successo non si può che concedere il bis. Già fervono i preparativi per il prossimo anno. Appuntamento per il 2006, sempre a MalpensaFiere. E nel frattempo, per chi volesse vedersi, sono a disposizione sul sito web della festa (www.festabcc.it) le foto dell’evento da scaricare gratuitamente

 

PER APPROFONDIRE

LA FESTA IN CIFRE

15.000 presenze, 4 serate, 2 spettacoli, 23 ore di apertura, 1 festival musicale, 1.800 sedie nel teatro, 7 addetti all’organizzazione, 22 persone di servizio, 72 artisti sui 2 palcoscenici, 18 tecnici delle luci e dei suoni, 874 panini, 750 litri di birra chiara, 125 litri di birra scura, 234 litri di coca cola, 376 bottiglie di birra, 112 bottiglie di vino, 340 chili di spaghetti offerti alla mezzanotte di ogni giorno, 1.872 bottiglie d’acqua, 639 razioni di pop corn, 177 chili di patatine fritte, 6.875 metri quadri di superficie occupata, 935 metri di cavo elettrico, 24.000 watt di suoni.

0 replies on “La festa della Bcc fa tendenza”