La centralità della verifica dell’identità di cliente ed operatore in banca, spiegata da Andrea Fusco

verifica identità digitale autenticazione due fattori
verifica identità digitale autenticazione due fattori (foto credits shutterstock)
Ha fatto il punto dell'argomento il Responsabile Digital Platform e Open Banking, Gruppo BCC Iccrea durante i CEOforLIFE AWARDS

La verifica sia del cliente che dell’operatore della banca con cui si sta operando è fondamentale per non incorrere in frodi. “Il tema dell’identità è centrale per non incorrere in frodi,” spiega ai CEOforLIFE AWARDS Andrea Fusco, Responsabile Digital Platform e Open Banking del Gruppo BCC Iccrea, che si occupa anche della parte antifrode.

“Nella digitalizzazione dei processi emergono problematiche che nel mondo reale siamo ormai abituati a fronteggiare, ma che, quando affrontate ex novo nel digitale, sembrano nuove.

Con la pandemia c’è stata un’accelerazione in particolar modo nel mondo dei pagamenti e della digitalizzazione.

La strategia europea su vari fronti è avanzata con più potenza, già dal 2020, con documenti programmatici che integrano il mondo fisico con quello digitale. Pensiamo in particolar modo all’e-commerce e ai pagamenti digitali, che diventano sempre più veloci. Tuttavia, lo scambio di dati deve essere sempre sicuro. Questo processo amplifica i problemi legati all’identità e alla sicurezza delle operazioni, sia dal punto di vista dell’operatore che del cliente, per evitare truffe. Qui la tecnologia ci viene sicuramente in aiuto. Esiste un doppio tema di riconoscimento reciproco, in cui l’intelligenza artificiale e le identità digitali possono essere utili.

L’intelligenza artificiale, come tutte le tecnologie, presenta sia opportunità che rischi, rappresentando quindi una sfida. Il fatto che venga regolamentata, con l’IA Act di prossima pubblicazione, è un aspetto fondamentale. Si tratta di un insieme di normative che si stanno elaborando o sono già state elaborate a livello europeo per regolamentare al meglio il mondo digitale e prevenire le frodi, che diventano sempre più sofisticate e utilizzano la stessa IA. Oggi è possibile ricreare la voce o l’immagine delle persone.

“L’intelligenza artificiale permette di creare correlazioni tramite machine learning molto più velocemente, mettendo così al riparo il cliente dalle proprie azioni, poiché molto spesso è lo stesso cliente che, a causa del social engineering, effettua l’operazione.”

0 replies on “La centralità della verifica dell’identità di cliente ed operatore in banca, spiegata da Andrea Fusco”