Progetto di mobilità internazionale dell’Insubria porta nuovi infermieri in corsia, i 2/3 formati in Italia

medici infermieri
Il progetto ha richiesto un lavoro di squadra che ha visto la sinergia tra istituzioni, privati e enti del terzo settore, tra cui anche la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate
31 nuovi infermieri stanno per prendere servizio in ASST Sette Laghi, in più rispetto agli 11 infermieri sudamericani. Di questi 31 neoassunti, 21 sono professionisti appena laureatisi all’Università dell’Insubria – hanno discusso la tesi nei giorni 8, 9 e 10 novembre – e che hanno svolto il tirocinio negli Ospedali di ASST Sette Laghi.
Il progetto di mobilità internazionale ha richiesto un lavoro di squadra che ha visto la sinergia tra istituzioni, privati e enti del terzo settore. Oltre a Gulliver, ci sono Regione Lombardia, ASST Sette Laghi, Prefettura di Varese, Comune di Varese, Ufficio Scolastico Provinciale, CPIA, Università degli Studi dell’Insubria, poi l’OPI – Ordine Professioni Infermieristiche, la BCC Busto Garolfo e Buguggiate e lo Studio Commercialista Luigi Castagna.
I 31 nuovi sono infermieri che hanno partecipato al concorso per l’assunzione a tempo determinato, procedura che consente tempi molto più rapidi rispetto a quella a tempo indeterminato, e che hanno superato i colloqui svoltisi lo scorso 28 novembre.
Il tempo di sottoporsi alle visite mediche ed espletare le ultime formalità e potranno prendere servizio anche loro.
Durante i colloqui, questi giovani infermieri, tutti nati tra il 1999 e il 2001, si sono dichiarati entusiasti all’idea di iniziare a lavorare negli ospedali dove si sono formati, attratti in particolare dall’opportunità di confrontarsi con le numerose specialità e discipline che ASST Sette Laghi ospita.
Anche per gli altri candidati, provenienti in buona parte dal Sud Italia, l’ingresso in Ospedale è affrontato come un’esperienza arricchente e sfidante.
“La partecipazione di questi 31 infermieri è un’ottima notizia – commenta Giuseppe Micale, Commissario straordinario di ASST Sette Laghi – che conferma l’importanza del rapporto che ci lega all’Università dell’Insubria e quanto sia decisivo mantenere il massimo impegno per reclutare nuovi professionisti, infermieri in particolare. A questo proposito, è già ben avviato il terzo concorso di quest’anno a tempo indeterminato per la copertura di 100 posti, sempre rivolto agli infermieri. Siamo in attesa della pubblicazione del bando sulla Gazzetta Ufficiale , che dovrebbe avvenire entro fine anno, da cui decorreranno i 30 giorni per la presentazione delle domande di partecipazione. Insomma, entro gennaio potremo svolgere le prove e speriamo così non solo di stabilizzare gli infermieri entrati a tempo determinato, ma anche di trovarne altri desiderosi di far parte dell’organico di ASST Sette Laghi”.
0 replies on “Progetto di mobilità internazionale dell’Insubria porta nuovi infermieri in corsia, i 2/3 formati in Italia”