Voucher connettività: cos’è e chi può richiederlo

Si tratta di un contributo erogato per l'utilizzo di connessioni internet con banda ultralarga, dedicato a chi ha una partita Iva

Il voucher connettività è un contributo erogato per l’utilizzo di connessioni internet con banda ultralarga, in attuazione del Decreto del Ministro dello sviluppo economico del 23 dicembre 2021 e degli obiettivi indicati dalla Commissione europea in merito al Digital compass.

Sono stati stanziati 608.238.104,00 euro di risorse statali del Fondo Sviluppo e Coesione 2014-2020, prevedendo l’erogazione di un voucher fibra dall’importo variabile che, in base al tipo di connessione attivata, può oscillare da un minimo di 300 euro a un massimo di 2500 euro.

Il voucher connettività è una misura a beneficio di liberi professionistie imprese di qualunque dimensione. Hanno diritto di accedere al nuovo voucher anche quei professionisti che esercitino, in modo autonomo o in forma associata, una delle professioni non organizzate disciplinate dalla legge 14 gennaio 2013, n. 4, o una delle professioni intellettuali ai sensi dell’art. 2229 del Codice Civile.

Il bonus connettività è riservato a tutti quegli abbonamenti a internet della durata di 18 o 24 mesi che garantiscano l’upgrade della connessione o l’attivazione di una nuova linea con velocità di download da un minimo di 30 Mbit/s fino a 1 Gbit/s o maggiori.

Va richiesto direttamente agli operatori accreditati. Per individuarli basta consultare uno degli elenchi disponibili sui portali ufficiali dedicati al voucher fibra ottica.

È possibile richiedere il voucher connettività fino a esaurimento delle risorse stanziate e in ogni caso entro e non oltre il 15 dicembre 2022. Qualora, allo scadere di tale periodo, si verificasse la disponibilità di ulteriori fondi residui, la misura potrà essere prolungata per un altro anno, previa la valutazione da parte della Commissione europea.

0 replies on “Voucher connettività: cos’è e chi può richiederlo”