Varese e disabilità: a fine agosto partono i lavori per il nuovo parco giochi inclusivo

La città intera ha contribuito alla sua realizzazione grazie a una grande raccolta fondi

Il “Parco Gioia” di Villa Mylius, nato dall’idea di due mamme Anita Romeo ed Emanuela Solimeno, sta per diventare realtà. A giorni l’inizio dei lavori.

Il parco sorgerà proprio al centro della città, nella centralissima Villa Mylius. Sarà realizzato nel prato pianeggiante che si trova a destra dell’ingresso di via Veronesi (lato viale Aguggiari), tra la rete di pallavolo e il filare di alberi, cui sarà collegato da un piccolo sentiero pedonale in terra battuta.

Si tratta di un parco modulare, su quattro isole indipendenti, caratterizzate ciascuna da un tema diverso.
Isola dell’amicizia: è il cuore del parco con un grande gioco centrale dotato di rampa, pannelli sensoriali, scivoli e diverse salite, anche adrenaliniche, perché ogni bambino deve poter giocare secondo le proprie attitudini e necessità accanto agli altri. Sarà realizzato con materiali di qualità ed ecostenibili (ad esempio i tappetini antiurto sono realizzati utilizzando lo scarto della tomaia delle Nike). Accanto a questo gioco una piccola cupola, in cui nascondersi, o su cui arrampicarsi, perché particolarmente adatta a far sentire a far sentire a proprio agio bimbi con disturbi dello spettro autistico.
Isola del movimento: con tre altalene, tutte diverse. Quella classica, quella doppia e, al centro, quella con seduta sagomata, adatta alle disabilità fisiche.
Isola della musica: con veri strumenti musicali con cui creare un piccolo complesso
Isola della compagnia: con la casetta e area mercato accessibili anche alle carrozzine.
Il tutto sarà  arricchito da percorsi tattiloplantari per ipovedenti e non vedenti, come suggerito dall’associazione Aila di Ada Orsatti.