Affitti negozi: si può chiedere la cedolare secca anche se non prevista inizialmente

L'opzione è valida per le superfici fino a 600 mq, come previsto inizialmente dalla legge

“L’opzione per il regime della cedolare secca deve essere esercitata entro il termine di versamento dell’imposta di registro tramite la presentazione del modello per la richiesta di registrazione degli atti e per gli adempimenti successivi. – scrive l’Agenzia delle entrate nella risposta n.184 di quest’anno a un contribuente che chiedeva lumi per un contratto in fase di rinnovo.

La cedolare secca deve essere esercitata in sede di registrazione del contratto ed esplica effetti per l’intera durata dello stesso salvo revoca. Qualora non si abbia optato in sede di registrazione lo si può fare nelle annualità successive esercitando l’opzione entro il termine previsto per il versamento della imposta di registro dovuta annualmente (30 giorni dalla scadenza di ciascuna annualità). La cedolare può anche essere revocata entro lo stesso termine in ciascuna annualità.

Tale opzione va esercitata secondo due modalità:

  • presentando l’apposito modello RLI per via telematica con il software specifico
  • compilando il modello RLI cartaceo e presentandolo presso gli uffici della Agenzia delle Entrate.