A Garbagnate Milanese premiate le aziende che assumono con 70mila euro

Assegnati i bonus assunzionali a 10 imprese del territorio per un totale di 43 nuove assunzioni
1
1

Un contributo di 70mila euro per rilanciare l’occupazione se lo sono aggiudicate dieci aziende di Garbagnate Milanese: Alfa Robotica; Bayer; Dimar Tecnoprint; Hoya Lens Italia; Lombarda Noleggi; Mec Gru; Polyplastex Italiana; Safic-Alcan Italia; Telea Tecnovision; Vivaio Banfi.

L’iniziativa della durata triennale, promossa dal Comune di Garbagnate Milanese grazie alla collaborazione con Assolombarda, ha come obiettivo quello di supportare le aziende e favorire l’occupazione delle realtà produttive del territorio.

“L’adesione da parte di tante imprese al bando per il ‘Bonus assunzionale’ è la dimostrazione che questo progetto rappresenta davvero un segnale concreto per il territorio. Un esempio positivo che auspichiamo di poter replicare anche in altri comuni – ha sottolineato Guido Ceccherelli, Presidente della Zona Nord Ovest di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza –. Siamo, infatti, convinti che quest’incentivo contribuisca alla crescita e alla competitività delle imprese, favorendo da un lato lo sviluppo locale e dall’altro promuovendo l’occupazione”.

Il Sindaco di Garbagnate Milanese, Pier Mauro Pioli ha espresso soddisfazione per l’esito di questa iniziativa: “Il filo conduttore del progetto è l’attenzione al lavoro: lavoro per le imprese, lavoro per i cittadini – ha dichiarato –. Attuare misure che possano favorire la produttività e l’occupazione è un segno tangibile di questa “attenzione” che viene posta alla base delle politiche del lavoro. Riteniamo che i risultati di questo progetto siano stati positivi ed apprezzabili: 10 aziende nel 2016 hanno assunto personale con diverse tipologie contrattuali e 43 lavoratori sono stati immessi nel circuito occupazionale. Dunque, buone premesse per proseguire il percorso delle buone prassi in ambito lavorativo”.

I bonus assunzionali sono stati erogati proporzionalmente alle assunzioni, attraverso un bando annuale che ha definito le linee guida e i criteri per l’assegnazione del contributo. Al bando hanno potuto partecipare le imprese disponibili ad assumere, a prescindere dalle modalità contrattuali stipulate con il lavoratore (part time, tempo pieno, tempo determinato o indeterminato).