Uno psicologo per aiutare i giovani e i loro genitori pagato dai Comuni

Succede nel distretto di Azzate, dove i comuni si sono uniti per mettere a disposizione di giovani dai 14 ai 24 anni uno psicologo. Prima seduta gratuita, successive a un prezzo calmierato di 10 euro.

Gli anni dell’adolescenza e quelli immediatamente successivi sono cruciali nella vita di ognuno di noi. Iniziano i conflitti con i genitori, a volte è difficile scegliere. Per questo i Comuni del distretto di Azzate, con Buguggiate come capofila, si sono uniti per fornire alla cittadinanza uno sportello di ascolto psicologico. La prima seduta è gratuita le successive hanno un prezzo simbolico di 10 euro. Il progetto, battezzato Delfino L’AscoltaGiovani, è volto ad aiutare i giovani dai 14 ai 24 anni e le loro famiglie. Gli sportelli saranno gestiti da operatori/psicologi con alto livello di professionalità e competenza nel settore. Il servizio offerto dovrà garantire riservatezza, disponibilità e interventi di counselling qualificati. Il progetto coinvolge i Comuni di Azzate, Brunello, Buguggiate, Carnago, Caronno Varesino, Casale Litta, Castronno, Crosio della Valle, Daverio, Gazzada Schianno, Morazzone, Mornago, Sumirago

Di cosa si tratta? Le sedute saranno di counselling, non di psicoterapia. Si tratta di colloqui con un esperto che, muovendosi nel pieno rispetto dell’autonomia individuale, aiuta le persone ad affrontare particolari momenti di difficoltà e di crisi. L’intento è quello di offrire un servizio qualificato, vicino, di facile accesso e riservato. I colloqui di counselling sono prevalentemente rivolti a singoli individui, ma possono anche coinvolgere coppie o piccoli gruppi di persone (nuclei familiari, gruppi di pari, ecc.). Gli interventi saranno specificamente rivolti ad intervenire su problematiche tipiche dell’età adolescenziale con obiettivi raggiungibili a breve termine. Per tutte le situazioni di franco disagio psicologico, sociale o sanitario, nonché per quelle in cui sia evidente uno stato o un rischio di franca patologia saranno programmati invii alle strutture territoriali competenti. Il counselling, infatti, non è psicoterapia, ma è una relazione professionale che, muovendosi nel pieno rispetto dell’autonomia individuale e delle risorse personali e sociali dei clienti, è volta ad aiutare le persone ad affrontare particolari momenti di difficoltà e di crisi (“Crisis counselling”), a prendere decisioni adattive (“Decision making counselling”), a risolvere problemi ponendosi obiettivi realistici e adeguati alle diverse circostanze (“Problem solving counselling”), a fornire informazioni personalizzate (“Informative counselling”), a fornire supporto e a prevenire situazioni di disagio maggiore.

Come fare per accedere al servizio? Per fissare un appuntamento è possibile contattare telefonicamente o tramite sms la segreteria organizzativa del progetto al 347 3288093 .

Dove bisogna andare? Il servizio è disponibile su appuntamento nelle sedi di: Azzate ­ Via Colli n.32 ­ palazzina rossa, Caronno Varesino ­ Via Manzoni 4 ­ ambulatori comunali 1°piano, Mornago – Via Marconi n.9 – sede biblioteca comunale