Contraddizioni e conferme

L'editoriale del direttore della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate

Mai si erano visti tassi così bassi. Eppure il sistema economico continua ad attraversare un momento molto difficile. Viviamo infatti una crisi che sta colpendo vari settori sia a livello nazionale che internazionale, una crisi da “globalizzazione” e che inevitabilmente intacca pesantemente anche le nostre realtà locali. Ma anche e soprattutto una crisi generale “di fiducia” e di mancanza di prospettive. Il credito, in particolare quello bancario, in questo contesto diventa tante volte un problema in più. Se poi si parla di Basilea 2 (la nuova riforma ormai alle porte) l’allarme aumenta a dismisura. Al di là del fatto che Basilea 2 è ancora nella fase di definizione dei criteri, e se è giusto attivarsi per meglio valutare e ponderare quelle che saranno poi le scelte definitive, non è il caso di fasciarsi la testa prima del dovuto. Il vero problema da affrontare è che la situazione economica, è sotto gli occhi di tutti, attraversa una fase pesante e negativa. Non possiamo certamente essere noi, piccole formichine, a ribaltare tale situazione che ha connotati generali e globali, ma una cosa possiamo e dobbiamo fare: avere fiducia e lavorare per costruire, per un positivo. Noi siamo “una banca di persone per le persone” ed anche in questi momenti confermiamo la nostra attenzione alle esigenze della clientela. Solo chi ha cuore sensibile e radici profonde può dare una risposta positiva anche in questi momenti difficili. Noi che da oltre 100 anni sperimentiamo quotidianamente la solidarietà, la mutualità, il localismo come valori forti dobbiamo ancora più attivarci per dare un contributo teso a salvaguardare il bene comune. Dobbiamo continuare a credere nei nostri valori come volano dello sviluppo di tutti.

di Gianni Macchi

 

Un’immagine di successo

morandi

Il secondo numero del nostro bimestrale “La Voce” arriva nelle vostre case in un momento di grande euforia. Il mese di maggio è trascorso all’insegna, quasi esclusiva, della nostra festa. Una festa che ci ha impegnato molto, ma che è stata motivo di grande soddisfazione. Forse peccherò di modestia, ma non posso fare a meno di iniziare l’editoriale di questo numero parlando di un evento che ha spinto la nostra BCC, agli occhi dell’opinione pubblica, ad essere considerata, se ancora ce ne fosse bisogno, come “una banca che sa fare”. I mezzi di comunicazione di massa hanno ritagliato notevoli spazi da dedicare alla manifestazione. E non solo per la presenza di artisti del calibro di “Sconsolata”, “Il Mago Oronzo” e “I Legnanesi”, ma anche per la riuscita dell’assemblea dei Soci, vero e primo patrimonio della nostra Banca. Realizzare la festa è stata un’impresa tutt’altro che semplice. La nostra BCC era, come si dice, alla “sua prima volta”. Una prima volta che ha offerto molto, in termini di visibilità, e che ha ottenuto un successo di immagine in cui il Progetto Soci credeva e crede molto. Motivo di grande soddisfazione è stato incontrare persone entusiaste per strada. La gente si complimentava con la nostra BCC per l’avvenimento. Parole di elogio per tutti, volti sorridenti e pacche sulle spalle. La festa voleva essere, come ho detto più volte, dirompente: una situazione che scuotesse le coscienze. Così è stato. E questo è avvenuto in nome dei Soci della nostra BCC. Ho inoltre notato con particolare soddisfazione quanto riscontro hanno avuto in questi mesi le iniziative proposte dall’associazione CCR: dal viaggio in Andalusia, passando per il trenino svizzero fino, ne sono sicuro, alle novità in cantiere che vi saranno presentate prossimamente. Nelle settimane passate vi è stata recapitata a casa la nuova tessera associativa. L’impronta moderna, accostata alla tradizione dei nostri colori, è stata un’ulteriore novità che il Progetto Soci ha voluto dedicare alla compagine sociale. So che è superfluo segnalarlo, ma la tessera deve essere trattata con estrema cura e attenzione. Non si tratta, infatti, di una semplice “card”, ma di un vero e proprio documento di riconoscimento dei Soci della nostra BCC. Servirà per poter godere delle convenzioni stipulate con gli esercizi commerciali del nostro territorio -ne troverete un’ampia e aggiornata gamma nelle pagine successive- e per essere riconosciuti come “Soci della BCC di Busto Garolfo e Buguggiate”. Concludo garantendovi che il nostro impegno nei vostri confronti continuerà con un’attenzione sempre maggiore e particolare. Non mi resta che augurare buone vacanze a tutti e darvi appuntamento a settembre.

di Alberto Morandi

0 replies on “Contraddizioni e conferme”