Approvato bilancio 2002

Oltre il 99% dei soci ha approvato il bilancio 2002 della Banca di Credito Cooperativo di Busto Garolfo e Buguggiate che, come è stato da più parti ricordato nel corso del dibattito in sala, “rappresenta il risultato di una gestione attenta, che ha saputo razionalizzare al meglio la struttura per offrire un servizio sempre più qualificato”. La votazione sul bilancio si è tenuta domenica 25 maggio, ultimo dei tre giorni di festa sotto il PalaBcc montato nel campo sportivo comunale di Busto Garolfo. Poco più di 600 i soci che hanno preso parte ai lavori e che hanno salutato con calore i dati di una banca solida, in cui cresce la raccolta diretta (+5,10%), gli impieghi (+13,45), l’utile di gestione (+18,46%) e dove diminuiscono le sofferenze sia in termini assoluti sia percentuali: dal 3,05% del 2001 si è passati al 2,52% del 2002. “In un momento economico che, come è noto, è gravato da numerose difficoltà, i lusinghieri risultati conseguiti evidenziano, ancora una volta, la validità dell’idea cooperativa e lo stretto legame che unisce la nostra Bcc al territorio”, ha commentato Gianni Macchi, direttore generale della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate. “E’ stata un’assemblea importante – dice Silvano Caglio, presidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiateperché è stato dimostrato che praticamente la totalità dei soci è favorevole alla nuova impostazione che il mio consiglio di amministrazione sta dando alla banca ma, soprattutto, perché abbiamo gettato le basi del lavoro del prossimo triennio”. Ma veniamo a vedere più da vicino il bilancio. Al di là dei dati già ricordati, va detto che, senza aumenti complessivi di personale, è stato incrementato il numero delle risorse umane che oggi operano direttamente agli sportelli. Nel corso del 2002 è proseguita l’opera di fidelizzazione della clientela che ha portato a risultati importanti, come è stato confermato dalla crescente operatività degli sportelli. Sono cresciute le carte di credito emesse dalla Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate (+11,48%), i contratti leasing stipulati a mezzo di Agrileasing (+24,75%), la domiciliazione delle utenze (+6,90%), i prelievi agli sportelli bancomat hanno superato le 219.600 operazioni (+11,29%), mentre i prelievi sui bancomat emessi dalla Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate si sono incrementati del +31,09%, gli utenti del servizio di home banking sono passati da 93 a 425. La rinnovata attenzione al cliente ha permesso di elevare il numero dei soci, che al 31 dicembre scorso hanno raggiunto quota 1.947, con un incremento assoluto di 119 unità rispetto al precedente esercizio (+ 6,5%). Entrando nel dettaglio del bilancio 2002, i principali indicatori sono: la raccolta diretta, che raggiunge 296,78 milioni di euro con un incremento di oltre 14,4 milioni (+5,10%) rispetto al precedente esercizio. Gli impieghi con i clienti sono passati da 176,4 a 200,1 milioni in un solo anno (+13,45%). Rilevante è il numero dei mutui erogati: 861 per oltre 40,7 milioni di euro. Le sofferenze nette rapportate agli impieghi diminuiscono dal 3,05% del 2001 al 2,52% rilevato al 31.12.2002, facendo segnare un decremento di oltre il 50% rispetto al 1999, quando erano a quota 5,20%. Il conto economico chiude a dicembre 2002 con un utile netto 3.007.517 euro. Il consiglio di amministrazione ha proposto di destinarlo per 2.780.449,35 euro a riserva legale, per 27.067,65 euro al Fondo mutualistico per la promozione e lo sviluppo della Cooperazione, e per 200mila euro al fondo utilizzato per la beneficenza. Il margine di interesse ha fatto registrare un incremento dell’1,39% rispetto al precedente esercizio, nonostante la riduzione dei tassi e la continua contrazione dello spread applicato alla clientela, che nel corso dell’anno è sceso di oltre 0,23 punti. Il margine di intermediazione si attesta a 17.798.596 euro con un aumento dell’1,92% rispetto al 2001. Da ultimo, va ricordato che nel corso dell’assemblea sono stati premiate con una medaglia d’oro le persone che hanno compiuto 50 o 25 anni da socio della nostra Bcc. Per i cinquant’anni un solo premiato: Carlo Gaio di Busto Garolfo. Più numeroso il gruppo dei “venticinquenni”: Giovanni Varano (presidente uscente), Carlo Cozzi, Angelo Gaio, Egidio Gadda, Felice Castoldi, Antonio Pinciroli (già direttore della nostra Bcc), Vincenzo Garavaglia, Giovanni Cova, Adelio Tunesi, Giovanni Battista Pinciroli, Gian Paolo Busti, Gianpaolo Merlotti, Cesare Zanzottera, Luigi Zanzottera, Roberto Gadda, Daniele Garavaglia, Fiorenzo Varano, Angelo Castiglioni, Edoardo Garavaglia, Cesare Rondanini.

0 replies on “Approvato bilancio 2002”