Esenzione seconda rata Imu per cinema, teatri, sale spettacoli

Unica condizione: i relativi proprietari siano anche gestori delle attività lì esercitate

Per il 2022 la seconda rata dell’IMU non è dovuta per gli immobili di categoria catastale D/3 utilizzati per spettacoli cinematografici, teatri e sale per concerti/spettacoli ma a condizione che i gestori delle attività ivi esercitate siano i relativi soggetti passivi, siano cioè anche gestori delle attività lì esercitate. Lo prevede l’ultimo decreto aiuti del Governo.

Il mondo dello spettacolo dopo la pandemia fatica a riprendersi, ora la crisi economica taglia le uscite. “Ci sono segnali di ripresa ma le conseguenze di tre anni di pandemia oggi si sommano a quelli della crisi legata al caro energia e e all’incremento del costo delle materie prime”, spiega il presidente dell’Agis (Associazione Generale Italiana dello Spettacolo) Francesco Giambrone.

L’uso ininterrotto di Tv e computer che possono, all’emergenza, sostituire spettacoli e notizie stando comodamente in casa propria sdraiati su di un divano, ha completato il tutto.

Nel 2021 il numero totale di spettatori di cinema, teatro, spettacoli dal vivo e sportivi è calato dai 306 milioni del 2019 agli 84 milioni del 2021 e la spesa al botteghino è crollata dai 2,7 miliardi di euro del 2019 agli 870 milioni di euro nel 2021.

Gli spettatori crollati del 72%, nel 2021 rispetto al 2019, la spesa addirittura del 78%. A più di due anni dall’inizio della pandemia, la ferita Covid pesa ancora sullo spettacolo, con una situazione da allarme rosso per tutti i settori, in particolare il cinema.

E ora sono arrivati anche gli aumenti. I nuovi costi non sono arrivati in modo improvviso o inaspettato, anzi. Anche se l’impennata si è presentata in modo netto nella seconda metà del 2022, i rincari erano significativi ormai da mesi. I costi del riscaldamento ora pesano quasi quanto un affitto.

A soffrire sono soprattutto i teatri di provincia, che già da anni stanno chiudendo. E’ proprio a loro che questa misura è rivolta.

 

 

0 replies on “Esenzione seconda rata Imu per cinema, teatri, sale spettacoli”