Cassa integrazione per Covid: tutte le scadenze di luglio

Sono gli ultimi giorni per chiedere la cassa integrazione per Covid per febbraio, marzo, aprile, maggio e giugno per chi non l'abbia ancora fatto.

Le aziende stanno lentamente ritornando a lavorare, interi settori hanno ancora problemi e fanno i conti con cali di fatturato importanti. La cassa integrazione può andare in aiuto a chi è in difficoltà, fino alla ripresa. Nei prossimi giorni sono fissate le scadenze per la cassa integrazione da Covid. Eccole.

• Per la cassa integrazione Covid usufruita a febbraio, marzo o aprile, le istanze vanno presentate entro il 15 luglio 2020
• per maggio entro il 17 luglio 2020
•per giugno entro il 31 luglio
•per  luglio entro il 31 agosto
• per agosto entro il 30 settembre

La sanzione per la presentazione in ritardo della domanda è la decadenza (e dunque la non ammissibilità della domanda stessa).

Nei casi in cui la domanda (riferita alle prime 13 o 22 settimane) sia stata oggetto di diniego (non accettazione o revoca) è possibile ripresentare domanda, oltre il limite ordinario previsto, ma entro 30 giorni dalla comunicazione dell’errore da parte dell’Amministrazione competente o entro il 17 luglio se la domanda è stata oggetto di diniego prima del 17 giugno 2020  (data di entrata in vigore del citato DL 52/2020).