La ricetta dell’Oms del disinfettante fai da te. Le farmacie iniziano a produrlo

Alcol etilico, glicerina e acqua ossigenata, diluite con acqua distillata o fatta bollire e poi raffreddare.

Dopo le notizie sui rincari indiscriminati e le fake news con ricette ‘fantasiose’ sui social per risolvere i problemi legati ai disinfettanti per le mani, divenuti introvabili per l’epidemia di coronavirus, scendono in campo le farmacie, che produrranno da sole una propria versione a prezzo contenuto. E per chi vuole fare da sé a fornire una ricetta è l’Oms, che sul suo sito ha proprio un ‘manuale di istruzioni’. I farmacisti di Federfarma hanno deciso di porre rimedio alle speculazioni creando “FarmaHELP gel”, un prodotto a marchio ‘di categoria’ messo a disposizione delle farmacie, una decisione che ricorda quella di produrre molti anni fa un latte per l’infanzia a prezzo politico, di fronte alle denunce delle associazioni di consumatori di prezzi troppo alti in Italia. I fenomeni speculativi sui prezzi di igienizzanti per le mani e mascherine, hanno portato a rincari oltre il 148% secondo la denuncia Federconsumatori. Per far fronte alle tante richieste, molti farmacisti stanno già producendo autonomamente il proprio gel nei laboratori, secondo le linee guida Società dei farmacisti preparatori (Sifap). La nuova iniziativa, nata dai titolari aderenti al gruppo riservato su Facebook “Pillole di Informazione”, risponde invece all’emergenza facendo fronte comune.

Alcol etilico, glicerina e acqua ossigenata, diluite con acqua distillata o fatta bollire e poi raffreddare. Questa la ‘ricetta’ per preparare un disinfettante per le mani ‘fai da te’ contenuta in un documento pubblicato sul sito dell’Oms, che spiega anche tutti i passaggi necessari. Per preparare dieci litri di disinfettante, spiega il documento che fa parte del materiale messo a punto dall’Oms per il lavaggio delle mani e non è specifico per il coronavirus, vanno usati circa 8,3 litri di alcol etilico al 96%, 420 millilitri di acqua ossigenata al 3% e 145 millilitri di glicerolo al 98%, portando poi la soluzione risultante al volume di 10 litri con acqua sterile, distillata o fatta bollire e poi raffreddare. Il contenitore può essere di plastica o vetro, mentre la soluzione può essere mescolata con attrezzi di plastica, metallo o legno.