Varesotto e Altomilanese: le nuove attività storiche riconosciute dalla Lombardia

Si trovano a Abbiategrasso, Busto Arsizio, Cernusco sul Naviglio, Dairago, Inveruno, Gallarate, Gorla Minore, Oggiona con Santo Stefano, Tradate e Varese

Sono 198 le nuove attività storiche e di tradizione della Lombardia. In questi giorni Regione Lombardia. E’ stato terminato in questi giorni l’iter per il loro riconoscimento. Questi i risultati suddivisi per provincia:

  • 40 a Bergamo;
  • 28 a Brescia;
  • 10 a Como;
  • 5 a Cremona;
  • 5 a Lecco;
  • 3 a Lodi;
  • 5 a Monza Brianza;
  • 48 a Milano;
  • 26 a Mantova,
  • 6 a Pavia;
  • 9 a Sondrio;
  • 27 a Varese.

Si tratta di un attestato che sostiene tutte le attività commerciali con una storia di almeno 50 anni per preservarne i fattori culturali, sociali, economici e per valorizzarne la spiccata identità anche a favore del territorio di appartenenza.

Vediamo nel dettaglio quelli che riguardano il territorio tra Varesotto e Altomilanese.

ABBIATEGRASSO:

SALUMERIA NICHINI (1972), Negozio storico/Storica attività
FRUTTAL DA-MA (1969), Negozio storico/Storica attività

BUSTO ARSIZIO:

ANDREELLA PHOTO (1974), Negozio storico/Storica attività.
BEAUTIFUL ABBIGLIAMENTO DI MORANDIN VALERIO (1966), Negozio storico/Storica attività.
CARNAGHI (1974), Negozio storico/Storica attività
COLORIFICIO SAN MICHELE (1971), Negozio storico/Storica attività
FIORERIA MORETTI (1969), Negozio storico/Storica attività
FIORERIA PINCIROLI (1972), Negozio storico /Storica attività
LOCATELLI (1963), Negozio storico/Storica attività
PANETTERIA PASTICCERIA COLOMBO (1967), Negozio storico/Storica attività
RISTORANTE MAZZINI (1969), Locale storico/Storica attività
SARTORIA GIANNI DI SERRA FRANCESCA (1970), Bottega artigiana storica/Storica attività artigiana.

CERNUSCO SUL NAVIGLIO:

DA TEDESCO – ALIMENTARE (1968), Negozio storico/Storica attività
FRANCO SAPIENZA PARRUCCHIERE-ESTETICA-SOLARIUM (1972), Bottega artigiana storica/Storica attività artigiana.

DAIRAGO:

FRATTOLILLO VINI D’AUTORE (1969), Negozio storico/Storica attività.

INVERUNO:

RISTORANTE AL PIATTO D’ORO (1967), Locale storic/Storica attività.

GALLARATE:

ANGELO BORGHI (1945), Negozio storico/Storica attività.

GORLA MINORE
:

BARBERIA BOCCHI (1950), Bottega artigiana storica/Storica attività artigiana.

OGGIONA CON SANTO STEFANO:

BOSCHIROLI ARREDAMENTI (1961), Negozio storico/Storica attività.

TRADATE:

DROGHERIA AIMETTI – PRIVATIVA GBIANCHI (1958), Negozio storico/Storica attività.

VARESE:

DROGHERIA (1971), Negozio storico/Storica attività
FANTASIA MODELLISMO E GIOCATTOLI (1976), Negozio storico/Storica attività
FIGINI VARESE (1957), Negozio storico/Storica attività
GIANOLA (1919), Negozio storico/Storica attività
GIORGI (1954), Negozio storico/Storica attività
PASTICCERIA BRENNA VARESE (1949), Locale storico/Storica attività
VALIGERIA AMBROSETTI (1930), Negozio storico/Storica attività.

Sono attività storiche e di tradizione:

a) i negozi storici, intesi quali unità locali che svolgono attività di commercio al dettaglio in sede fissa;

b) i locali storici, intesi quali unità locali esclusivamente o prevalentemente dedite alla
ristorazione o alla somministrazione di alimenti e bevande;

c) le botteghe artigiane storiche, intese quali unità locali che svolgono la vendita diretta al dettaglio di beni o servizi, con vetrine poste su strada o situate al piano terreno degli edifici.

Regione Lombardia riconosce le seguenti categorie di negozi storici, locali storici e botteghe artigiane storiche in ragione delle loro specifiche caratteristiche:

NEGOZI STORICI STORICA ATTIVITA’ Punto vendita al dettaglio caratterizzato da una documentata e accertata continuità nel tempo dell’insegna e della merceologia offerta, possibilmente anche nella stessa sede fisica altrimenti in sedi diverse nell’ambito dello stesso Comune.
NEGOZIO STORICO Punto vendita al dettaglio caratterizzato da una documentata e accertata continuità nel tempo dell’insegna e della merceologia offerta nella stessa sede fisica.
Oltre ai requisiti di cui alla precedente categoria sono richiesti:
– collegamento funzionale e strutturale dei locali e degli arredi con l’attività svolta, al fine di dare il senso di un evidente radicamento nel tempo dell’attività stessa
– presenza  nel punto  vendita  di elementi architettonici e/o finiture  originali  o di pregio, interni e/o esterni
– mantenimento, anche parziale, di arredi e attrezzature storiche.
INSEGNA STORICA E DI TRADIZIONE Punto vendita al dettaglio caratterizzato da una documentata e accertata continuità nel tempo dell’insegna e della merceologia offerta nella stessa sede fisica.
Oltre ai requisiti di cui alla precedente categoria sono richiesti:
– ubicazione del punto vendita in contesti urbani di pregio ovvero di particolare interesse
– collocazione del punto vendita in una struttura architettonica, artistica e decorativa di pregio
– caratterizzazione degli spazi  data  da opere  d’autore  legate all’attività che vi si è svolta, ad es. affreschi, collezioni di dipinti o sculture  di riconosciuto valore artistico  ispirate  all’attività commerciale e/o ai relativi prodotti
– attività e merceologia  offerta  specificamente legate alla tradizione, al territorio e all’economia locale
– presenza  di arredi, attrezzature e strumenti di lavoro  originali, di particolare pregio e valore storico, artistico  e culturale
– il punto  vendita o l’insegna o l’impresa che lo possiede siano citati od oggetto di particolare menzione in opere d’ingegno, letterarie, cinematografiche, artistiche
– il punto  vendita  o l’insegna o l’impresa  abbiano ispirato  e siano indissolubilmente e da tempo  legati alla toponomastica locale.
INSEGNA STORICA E DI TRADIZIONE TOP Oltre ai requisiti richiesti per l’insegna storica e di tradizione sono richiesti almeno 75 anni di attività.
LOCALI STORICI STORICA ATTIVITA’ È individuata sulla base delle medesime caratteristiche e deve possedere i medesimi requisiti previsti per i negozi storici – storica attività.
LOCALE STORICO È individuato sulla base delle medesime caratteristiche e deve possedere i medesimi requisiti previsti per i negozi storici – negozio storico.
INSEGNA STORICA E DI TRADIZIONE È individuata sulla base delle medesime caratteristiche e deve possedere i medesimi requisiti previsti per i negozi storici – insegna storica e di tradizione.
INSEGNA STORICA E DI TRADIZIONE TOP Oltre ai requisiti richiesti per l’insegna storica e di tradizione sono richiesti almeno 75 anni di attività.
BOTTEGA ARTIGIANA STORICA STORICA ATTIVITA’ ARTIGIANA Unità locale che svolge la vendita diretta al dettaglio di beni o servizi, con vetrine poste su strada o situate al piano terreno degli edifici.
È caratterizzata da una documentata e accertata continuità nel tempo dell’insegna e dell’attività svolta, possibilmente anche nella stessa sede fisica altrimenti in sedi diverse nell’ambito dello stesso Comune.
BOTTEGA ARTIGIANA STORICA Unità locale che svolge la vendita diretta al dettaglio di beni o servizi, con vetrine poste su strada o situate al piano terreno degli edifici.
È caratterizzata da una documentata e accertata continuità nel tempo dell’insegna e dell’attività svolta nella stessa sede fisica.
Oltre ai requisiti di cui alla precedente categoria sono richiesti:
– collegamento funzionale e strutturale dei locali e degli arredi con l’attività artigiana svolta, al fine di dare il senso di un evidente radicamento nel tempo dell’attività stessa
– mantenimento, anche parziale, di attrezzi, utensili e macchinari riferiti a tecniche e modalità di produzione che si sono tramandate a livello locale.
INSEGNA ARTIGIANA STORICA E DI TRADIZIONE Unità locale che svolge la vendita diretta al dettaglio di beni o servizi, con vetrine poste su strada o situate al piano terreno degli edifici.
È caratterizzata da una documentata e accertata continuità nel tempo dell’insegna e dell’attività svolta nella stessa sede fisica.
Oltre ai requisiti di cui alla precedente categoria sono richiesti:
– ubicazione dell’unità locale in contesti urbani di pregio ovvero di particolare interesse
– collocazione dell’unità locale in una struttura architettonica, artistica e decorativa di pregio
– presenza nei locali e negli arredi, sia interni che esterni, di elementi di particolare interesse storico, culturale, artistico, architettonico, o particolarmente significativi per la tradizione del saper fare e la cultura del luogo, anche con riferimento a zone di affermate e consolidate produzioni tipiche
– presenza e utilizzo di attrezzi, utensili e macchinari riferiti a tecniche e modalità di produzione che si sono tramandate a livello locale
– attività specificamente legate alla tradizione, al territorio e all’economia locale, ovvero prodotti caratterizzati da unicità e riconoscibilità
– l’attività o l’insegna o l’impresa che lo possiede siano citati od oggetto di particolare menzione in opere d’ingegno, letterarie, cinematografiche, artistiche
– l’attività o l’insegna o l’impresa  abbiano ispirato  e siano indissolubilmente e da tempo  legati alla toponomastica locale.
INSEGNA ARTIGIANA STORICA E DI TRADIZIONE TOP Oltre ai requisiti richiesti per l’insegna storica e di tradizione sono richiesti almeno 75 anni di attività.