Giornata mondiale ambiente: aumenta il verde nelle città lombarde

In Lombardia ci sono oltre 63 milioni mq di verde e 188 grandi alberi. Varese ha 18,5 metri quadrati pro capite e Milano 17,9

Il verde urbano pubblico in Lombardia è aumentato del 6,4% in un quinquennio ed ha raggiunto nei capoluoghi di provincia oltre 63 milioni di metri quadrati, che corrispondono ad una disponibilità media a livello regionale di 34,2 metri quadri per abitante. E’ quanto emerge da un’analisi della Coldiretti Lombardia su dati Istat

In Lombardia – sottolinea la Coldiretti – la disponibilità di verde urbano pubblico varia da un capoluogo all’altro: se a Sondrio si contano 316,9 metri quadrati a testa, a Monza sono 70,7 metri quadrati pro capite, a Como sono 69,4 metri quadrati. Seguono Mantova con 49,9; Lodi con 43,7; Cremona con 31,3 metri quadrati a testa; Brescia con 23,1 metri quadrati pro capite; Pavia con 22,5; Bergamo con 22,2; Varese con 18,5; Milano con 17,9 e infine Lecco con 14,2 metri quadrati a testa.

Il verde pubblico – sottolinea la Coldiretti regionale – è uno dei parametri che vengono utilizzati per valutare la vivibilità di un territorio e l’attenzione di un’amministrazione per il benessere dei propri abitanti, ma questa valutazione non può essere disgiunta – sostiene la Coldiretti Lombardia – dalla verifica delle risorse economiche e delle professionalità che vengono investite per la manutenzione e la corretta gestione di queste aree. Troppo spesso – precisa la Coldiretti – vengono realizzate aree a verde senza un’adeguata scelta delle essenze più adatte a quel clima o a quel terreno o a quella posizione, di dimensioni inadeguate o sesti di impianto e distanze dal pronto effetto ma problematiche per la manutenzione.

Tutto questo in una regione in cui – precisa la Coldiretti su dati regionali – si contano già 188 alberi con caratteri di monumentalità che vedono tra le specie più rappresentative cedri e platani, querce, bagolari, ippocastani, tassi, gelsi e pioppi. L’aumento delle aree verdi – conclude la Coldiretti – va accompagnato da un’attenta cura che spesso si scontra con i tagli finanziari che molte amministrazioni, in tempi di crisi, sono costrette ad operare sulla gestione del verde pubblico.