Rescaldina, il “pranzo sospeso” che aiuta chi è in difficoltà

L'osteria sociale "La Tela" aderisce al progetto
Gli esercenti e i cittadini, con il coordinamento dei Servizi Sociali del Comune, hanno la possibilità di lasciare un pranzo già pagato per chi ha bisogno. 5 attività si sono già dichiarate disponibili

Se qualcuno ha mai visitato la città di Napoli, forse conosce l’usanza del “caffè sospeso”, nata a metà dell’Ottocento, che consiste nel lasciare un caffè pagato, oltre al proprio, a beneficio di un qualsiasi avventore sconosciuto che presenti al bar dopo il generoso cliente.
Prende ispirazione da questo gesto gratuito il progetto “Pranzo sospeso” promosso dal Comune di Rescaldina, che nasce dall’idea di offrire a famiglie e persone in difficoltà la possibilità di usufruire di servizi a loro difficilmente accessibili per questioni economiche.
Ciò grazie alla collaborazione degli esercizi commerciali del territorio, delle offerte volontarie dei cittadini e dalla prestazione volontaria dei commercianti aderenti, con con il coordinamento dei Servizi Sociali del Comune di Rescaldina.

Già cinque esercizi commerciali di Rescaldina hanno offerto la propria disponibilità a partecipare: ci sono le macellerie di Rescaldina e di Rescalda, il negozio «Hobby e moda» , la trattoria «Vira» e l’osteria sociale «La Tela».
Beneficiari di questo progetto sono cittadini che i servizi sociali hanno individuato come bisognose di aiuto in un momento di fragilità.

L’iniziativa ha la finalità di rispondere al bisogno di socialità e di inserimento nel tessuto del paese di persone sole o in difficoltà. L’erogazione del servizio, infatti, diventa l’occasione per incontrare altre persone, per vivere il paese. Le prestazioni/beni erogati si manterranno attraverso offerte volontarie, che ogni cliente degli esercizi aderenti all’iniziativa può elargire, in misura assolutamente libera, al fine di costituire un fondo per sostenere i pasti gratuiti. Gli aderenti all’iniziativa potranno inoltre integrare i fondi od offrire i loro servizi gratuitamente. I beneficiari di tale iniziativa verranno indicati dall’équipe dei Servizi Sociali del Comune di Rescaldina sulla base di valutazioni socio-economiche comprovate, tendendo a favorire l’allargamento della platea e un’eventuale turnazione dei soggetti interessati.