Nel nuovo decreto energia semplificazioni per la realizzazione di impianti da fonti rinnovabili

Ministero dell'ambiente e della sicurezza energetica
Ministero dell'ambiente e della sicurezza energetica
Per il Ministro Gilberto Pichetto, “ora tutte le nostre attenzioni sono rivolte all’attuazione delle norme, che sono in grado di sbloccare ingenti investimenti e di cambiare le prospettive energetiche del nostro Paese, nel solco dei nostri obiettivi ribaditi nelle sedi continentali e internazionali”.

Sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 7 febbraio è stata pubblicata la legge n° 11 del 2 febbraio 2024, che converte il Decreto Energia come modificato dal passaggio parlamentare. Il provvedimento contiene, tra gli altri, misure per la sicurezza energetica e la decarbonizzazione come la gas e l’electricity release per le aziende gasivore ed energivore, azioni per lo sviluppo di filiere delle rinnovabili tra cui la geotermia e l’eolico off-shore, interventi per un passaggio informato e senza criticità tecniche alla maggior tutela per i clienti del mercato elettrico.

 Le misure concrete previste

Nuovi incentivi alle aziende energivore per l’installazione di impianti a fonti rinnovabili
Le imprese a forte consumo di energia elettrica (circa 3.800) vengono incentivate a installare impianti a fonti rinnovabili: il GSE potrà, per i primi tre anni, anticipare gli effetti della realizzazione di questi impianti, garantendo energia rinnovabile ad un prezzo in linea con i costi della tecnologia: l’energia anticipata potrà essere restituita nei successivi 20 anni.

Misure per il mercato dell’energia e per la tutela dei consumatori
Sono finanziate con un milione di euro campagne informative sulla cessazione del servizio di maggior tutela nel settore elettrico. E’ stabilito che l’addebito diretto autorizzato dal cliente per la fatturazione nell’ambito della maggior tutela valga anche per il subentro del fornitore del servizio a tutele graduali o di vulnerabilità. Viene poi disciplinato il servizio di vulnerabilità, prevedendo anche che le imprese esercitanti il servizio di maggior tutela continuino ad avvalersi dei «contact center» fino all’individuazione dei fornitori del servizio stesso, ferma restando la scadenza naturale dei contratti.

Gas a prezzo vantaggioso per le aziende gasivore
Per incrementare la produzione nazionale di gas, è previsto che le aziende caratterizzate da un forte consumo di gas (circa 1000) possano acquistarlo a prezzi calmierati da imprese che lo estrarranno sul territorio nazionale. Vengono in questa ottica superate alcune criticità della disciplina.

Un fondo per nuovi impianti rinnovabili in aree idonee
Nasce un fondo rivolto a Regioni e Province Autonome per misure di compensazione e riequilibrio ambientale e territoriale a fronte dell’installazione di impianti di rinnovabili in aree idonee.

Spinta alla filiera del teleriscaldamento – teleraffrescamento
Via libera a 15 progetti di teleriscaldamento e teleraffrescamento rientranti tra quelli ammissibili e finanziabili dalla relativa norma del PNRR, ma non finanziati dal Piano per una differente interpretazione della Commissione europea.

Rifinanziamento del «Fondo Clima»
Il provvedimento rifinanzia con 200 milioni di euro per l’anno 2024 il Fondo italiano per il clima, principale strumento pubblico nazionale per perseguire gli obiettivi assunti nell’ambito degli accordi internazionali su clima e ambiente.

Nuovi termini e impulso agli investimenti nel settore geotermoelettrico
Vista la strategicità del settore geotermico, le Regioni possono chiedere ai titolari delle concessioni la presentazione di un piano di investimenti pluriennale nei territori e nel settore, che va approvato dall’Ente ai fini della rimodulazione della concessione. Le gare per l’assegnazione delle concessioni geotermoelettriche devono essere indette due anni prima della scadenza di quelle in vigore, allineando entrambe al 31 dicembre 2026.

Condensatori ad aria per le centrali termoelettriche
Per il raffreddamento nelle centrali termoelettriche, si consente l’installazione di condensatori ad aria in impianti già dotati di quelli ad acqua. Questi non devono comportare incremento di potenza elettrica ed essere utilizzati su superfici delle centrali esistenti: soddisfatte queste prescrizioni, la modifica è ritenuta “non sostanziale”. La norma va nella direzione del risparmio idrico.

Misure per la digitalizzazione e la resilienza delle reti elettriche
Terna istituisce un Portale digitale con dati e informazioni degli interventi di sviluppo della rete elettrica, delle richieste di connessione e dello stato di avanzamento delle procedure. Per facilitare la digitalizzazione della rete prevista dal PNRR con le misure “Smart Grid” e “Resilienza Reti elettriche”, vengono previste misure di semplificazione autorizzativa e tempistiche aggiornate.

Flessibilità del sistema elettrico tramite impianti a bioliquidi sostenibili
Viene costituito un sistema transitorio di supporto per garantire il mantenimento in esercizio degli impianti alimentati con bioliquidi sostenibili, che assicurano flessibilità e affidabilità al sistema elettrico. Alla scadenza dell’attuale incentivazione, la loro remunerazione non sarà più calcolata sulla base dell’energia prodotta, ma sulla offerta di capacità di potenza elettrica attivabile su richiesta.

Nasce il registro delle tecnologie per il fotovoltaico
L’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA) procede alla formazione e alla tenuta di un registro delle diverse tecnologie di moduli fotovoltaici, per realizzare una mappatura dei prodotti disponibili sul mercato secondo requisiti di carattere territoriale e qualitativo.

Sviluppo dell’eolico off-shore al Sud
Per lo sviluppo della filiera eolico off-shore si prevede l’individuazione di almeno due aree demaniali marittime del Mezzogiorno rientranti nelle Autorità di Sistema Portuale (o in aree portuali limitrofe in cui si sia in corso l’eliminazione dall’uso del carbone), con i relativi specchi d’acqua: queste saranno destinate alla realizzazione di infrastrutture per lo sviluppo di investimenti nella cantieristica navale per la produzione, l’assemblaggio e il varo di piattaforme galleggianti.

Rigassificatori di Gnl on-shore di pubblica utilità, indifferibili e urgenti
Le opere già autorizzate per la costruzione e l’esercizio di terminali di rigassificazione di gas naturale liquido on-shore, nonché le infrastrutture connesse, sono considerate di pubblica utilità, indifferibili e urgenti.

Misure sulla cattura e lo stoccaggio di Co2
Vengono definiti alcuni aspetti per il rilascio di licenze e autorizzazioni allo stoccaggio di Co2 nei siti ritenuti idonei dalla legge, cioè quelli di estrazione di idrocarburi esauriti. Qui si prevede la possibilità di rilasciare licenze di esplorazione, autorizzazione a svolgere programmi sperimentali, autorizzazioni allo stoccaggio geologico di Co2 secondo procedure concorrenziali. Uno studio del MASE sugli aspetti necessari per valorizzare la filiera della cattura e stoccaggio di carbonio (CCS) sarà funzionale a una successiva revisione normativa del settore.

Autocandidature per il Deposito dei rifiuti radioattivi
Enti territoriali le cui aree non sono ricomprese nella Carta Nazionale delle Aree idonee (CNAI) possono autocandidarsi ad ospitare il Deposito Nazionale di rifiuti radioattivi.

Poteri rafforzati per il Commissario Depurazione
Vengono integrati i poteri del Commissario Unico per la realizzazione degli interventi in materia di acque reflue urbane, per accelerare la messa in regola degli agglomerati oggetto delle procedure d’infrazione comminate all’Italia nel settore della depurazione.

Misure per la ricostruzione
Sono introdotte misure per accelerare la ricostruzione nei territori colpiti dai più recenti eventi alluvionali avvenuti dal 1° maggio 2023 (Emilia-Romagna, Toscana e Marche), oltre che disposizione necessarie per le aree interessate dagli eventi sismici avvenuti in Umbria il 9 marzo scorso.

Sulla stessa Serie Generale n.31 della Gazzetta Ufficiale è diffuso l’avviso dell’avvenuta pubblicazione sul portale del Ministero del decreto che favorisce la realizzazione delle Comunità Energetiche Rinnovabili, attraverso il doppio binario della tariffa incentivante su tutto il territorio nazionale e del contributo a fondo perduto rivolto alle iniziative nei comuni sotto i 5000 abitanti.

Per il Ministro Gilberto Pichetto, “ora tutte le nostre attenzioni sono rivolte all’attuazione delle norme, che sono in grado di sbloccare ingenti investimenti e di cambiare le prospettive energetiche del nostro Paese, nel solco dei nostri obiettivi ribaditi nelle sedi continentali e internazionali”.

0 replies on “Nel nuovo decreto energia semplificazioni per la realizzazione di impianti da fonti rinnovabili”