Confcooperative Varese in continua crescita

Cresce il movimento cooperativo a Varese. Anche in tempi difficili, sono i valori della mutualità, della territorialità e della solidarietà a prevalere, confermando il ruolo anticiclico che le cooperative stanno svolgendo. «Dal 2008 al 2011 le cooperative associate sono passate da 217 a 231 con un incremento del 6%. Ancora più saliente è il dato relativo all’occupazione: nell’arco temporale 2007-2010 l’aumento è stato del 20%, passando da 3.500 a 4.202 occupati. In netta crescita anche il numero dei soci, saliti a 25.309 rispetto ai 22mila del 2008, generando nel complessivo un volume d’affari di 11 milioni di euro». Questi i dati comunicati dal presidente di Confcooperative Varese, Claudio Marelli, nell’ambito dell’assemblea provinciale dell’associazione che si è svolta sabato 28 gennaio al centro congressi Ville Ponti di Varese. Nell’anno internazionale delle cooperative, come è stato definito il 2012 dall’Onu, l’assemblea di Confcooperative Varese ha assunto un ruolo importante per delineare la strada da seguire e guardare con maggiore fiducia al futuro. Le coop hanno un punto fermo da cui ripartire: «Uno dei nostri capisaldi è la vicinanza al territorio», ha ricordato il presidente Marelli. E, facendo sinergia con il territorio, le cooperative hanno saputo affrontare la crisi. Il riferimento è andato espressamente all’accordo siglato tra l’associazione varesina e la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate. In più, a conferma di una convinta sinergia, la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate si è associata a Confcooperative Varese: «E questo è un fatto importante per il nostro movimento», ha ricordato Marelli. «Noi speriamo che il modello dell’impresa cooperativa continui a crescere. La cooperativa è l’unica forma di impresa nella quali i lavoratori, cioè i soci lavoratori, soni i “padroni” dell’impresa per la quale lavorano, cioè eleggono presidente e consiglio di amministrazione, approvano il bilancio e quindi le scelte strategiche aziendali. Oltretutto questa forma di impresa, essendo incentrata sui lavoratori e non sul prodotto, non delocalizza e quindi è un patrimonio del Paese». Un aspetto nodale, come ha affermato il sindaco di Varese, Attilio Fontana, presente all’assemblea provinciale insieme al presidente della Camera di Commercio di Varese Bruno Amoroso: «Nel mondo del lavoro, porre l’accento sulla centralità dell’uomo è un punto fondamentale. E il mondo cooperativo ha messaggi importanti da comunicare nel difficile mondo attuale». Sul palco anche l’assessore regionale ai Trasporti, Raffaele Cattaneo e il senatore Marco Follini. Alla politica Confcooperative si è rivolta chiedendo attenzione alle esigenze delle cooperative ed ai valori di cui esse sono portatrici. Ha concluso il direttore di Confcooperative Varese, Nicola Abalsamo:«Registriamo oggi il massimo numero di associate nel segno degli ideali che da decenni accompagnano il sistema cooperativo. Dalla nascita di Confcooperative Varese, nel 1945, abbiamo continuato l’attività di rappresentanza, tutela e vigilanza sul movimento cooperativo varesino fondato sui valori cristiani».

PER APPROFONDIRE:

LUCA BARNI ELETTO NEL CONSIGLIO DIRETTIVO

04

Sei anni di attività; sei anni di crescita. È stata promossa a pieni voti la presidenza di Claudio Marelli alla guida di Confcooperative Varese. Il presidente uscente, subentrato nel 2005 a Luigi Gironimi, è stato riconfermato come numero uno dell’associazione varesina. Con lui, a far parte del consiglio direttivo è stato chiamato anche un uomo Bcc: il direttore generale della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, Luca Barni. Il giusto riconoscimento a quanto svolto dalla Bcc per il movimento cooperativo: dall’accordo tra la nostra banca e Confcooperative Varese era nato nel dicembre del 2010 “Mutuo Cooperazione”; uno strumento finanziario mirato sulle esigenze delle cooperative e teso a rendere più facile il credito a fronte di un rafforzamento del patrimonio societario della cooperativa. Al termine dell’assemblea, il consiglio direttivo di Confcooperative Varese è composto anche da Giancarlo Monti, Alberto Brusa Pasquè, Luigi Consegni, Teodoro Frontini, Ambrogio Luigi Gironimi, Cesare Montalbetti, Giancarlo Di Ronco, Letizia Avvisati, Giuseppe Filoni, Quintino Magarò, Matteo Dolci, Giovanni Pigni, Francesco Luoni, Aldo Montalbetti, Rita Nichele, Domenico Pietrantonio, Barbara Trebbi, Paolo Cova, Luisa Savogin. Presidente del collegio dei revisori è Massimo Galli; componenti effettivi sono Francesco Tomba e Giuseppe Marrone; i supplenti sono Sergio Pizzi e Riccardo Macchi.

0 replies on “Confcooperative Varese in continua crescita”