I Comuni varesini si aggregano per risparmiare sull’acquisto dei programmi per i computer

La firma dell'accordo
Nella sola provincia di Varese le amministrazioni comunali investono circa 5 milioni di euro l’anno per dotarsi dei software

Oggi una macchina amministrativa efficiente deve poter contare su sistemi informatici moderni ed al passo con l’evoluzione tecnologica che in altri campi tutti constatiamo quotidianamente.

Nella provincia di Varese le amministrazioni comunali investono circa 5 milioni di euro l’anno per dotarsi dei software, che sono ormai il fulcro di ogni procedura interna o verso il cittadino dei Comuni. Una spesa enorme, anche in considerazione della poca disponibilità di risorse e del fatto che i Comuni hanno tutti analoghe esigenze in termini di strumentazioni informatiche. Per tale motivo Provincia di Varese ha elaborato un Protocollo affinché i Comuni si possano aggregare per l’acquisto di sistemi informatici che utilizzino le più recenti tecnologie del “cloud computing”. Oggi si è tenuta in Provincia la formale sottoscrizione del Protocollo d’Intesa, presenti molti Sindaci, rappresentanti delle Amministrazioni Comunali e Pietro Maria Sekules, amministratore unico di AnciLab, in rappresentanza di ANCI Lombardia che parteciperà al progetto garantendo supporto tecnico e operativo. «L’obiettivo di questo progetto, denominato “Comuni in Cloud”, è rendere i Comuni più efficienti attraverso l’uso delle migliori tecnologie informatiche>> – ha spiegato il Consigliere Giuseppe Licata che ha promosso e condotto l’iniziativa, frutto delle valutazioni di un Gruppo di Lavoro di amministratori e tecnici coordinato nei mesi scorsi dallo stesso Licata – «Provincia si occuperà di indire e seguire la Gara di acquisto, in un secondo momento le Amministrazioni comunali potranno utilizzare attraverso Internet i sistemi acquistati. Questo Protocollo porterà risparmi economici, semplificazione amministrativa per i Comuni e maggiore efficienza a beneficio dei cittadini».

Al Protocollo hanno già aderito 15 Comuni tra i quali Varese, Malnate e Induno Olona, altri sono in procinto di aderire, tra questi la Comunità Montana del Piambello

Nella sola provincia di Varese le amministrazioni comunali investono circa 5 milioni di euro l’anno per dotarsi dei software
" />