Adozioni: partono i rimborsi fino a 5mila euro per i minori stranieri

Le spese rimborsabili sono quelle finalizzate all'adozione del minore debitamente documentate e certificate dall'ente autorizzato

Le spese quando si decide di adottare un minore all’estero sono sempre tante, a partire dai viaggi per stare con il piccolo per arrivare a tante minuzie burocratiche e non. Sono arrivare finalmente al via le istanze di rimborso delle spese sostenute per adozione da parte di genitori adottivi entrambi residenti in Italia con reddito complessivo fino a 70.000,00 euro, che hanno concluso un procedimento di adozione o affidamento pre-adottivo di uno o più minori stranieri, come prevosto dalla Legge 184/1983. L’ingresso e la residenza dei piccoli deve essere stato autorizzato tra il primo gennaio 2012 e il 31 dicembre 2017.  Le spese rimborsabili sono quelle finalizzate all’adozione del minore debitamente documentate e certificate dall’ente autorizzato. Le disposizioni sono contenute nel D.P.C.M. del 3 maggio 2018

Ecco quanto si può ottenere dal rimborso.

  • al 50% (fino a un massimo di 5.000,00 euro) per i genitori con un reddito complessivo fino a 35.000,00 euro;
  • al 30% (fino a un massimo di 3.000,00 euro) per i genitori con un reddito complessivo compreso tra 35.000,00 euro e 70.000,00);

Le domande di rimborso vanno presentate entro il 16 luglio 2018 esclusivamente in via telematica qui: https://adozionetrasparente.commissioneadozioni.it.

 

Le spese rimborsabili sono quelle finalizzate all'adozione del minore debitamente documentate e certificate dall'ente autorizzato
" />