Reinserimento nel mondo del lavoro: accordo tra Confartigianato Varese e Openjobmetis

Si parte con un progetto formativo e delle proposte di legge per i frontalieri.

Favorire l’ingresso, o il reinserimento, nel mondo del lavoro di figure professionali particolarmente richieste dal territorio o precarizzate dalla crisi, rispondere, attraverso l’istituto della somministrazione agli eventuali picchi produttivi, sostenendo inoltre i segnali di ripresa rilevati a livello nazionale e locale, ma non ancora strutturali e ampliare l’offerta destinata all’occupabilità e all’occupazione. È questo il cuore dell’accordo di partnership siglato tra Confartigianato Imprese Varese e Openjobmetis.

«Nel giugno scorso avevamo recepito i timori e le preoccupazioni dei titolari di un gruppo di aziende della zona, e quei timori si stanno purtroppo rivelando più che fondati» è il commento di Davide Galli, imprenditore e presidente di Confartigianato Varese. «Da allora, per l’intera estate, abbiamo raccolto voci, cifre, bisogni, speranze e idee ma, soprattutto, abbiamo avvertito il forte senso di responsabilità di imprenditori consapevoli del fatto che, parte del benessere del territorio, dipende dal mantenimento delle loro attività, e della relativa occupazione che esse generano, sul territorio» prosegue Galli.

Un senso di responsabilità, unito alla consapevolezza di dover salvaguardare professionalità e competenze manifatturiere che, «ad oggi, forse non vengono comprese fino in fondo dal territorio» nonostante, a nostro giudizio, «siano indispensabili per garantire adeguate prospettive di futuro a un comparto che non pare, oggi, poter contare su valide alternative».

«I casi Italtrasfo e Ascanio Masci ci dicono che nel Luinese le avvisaglie d’allarme si sono tramutate in una valanga di perdite occupazionali e produttive. Una valanga alle cui origini ci sono cause diverse, ma il cui risultato ci fa dire con chiarezza che, nel Luinese, mancano le condizioni per vincere la sfida della competitività non solo nei confronti della Svizzera, ma in termini generali» prosegue Galli, ricordando quanto già messo sul tavolo da Confartigianato Varese.

A cominciare da un progetto di legge orientato ad aumentare il netto in busta paga per i dipendenti delle aziende di confine e residenti nelle stesse aree di confine e da un progetto formativo destinato a rispondere ai bisogni occupazionali fino al confronto in atto con i rappresentanti varesini in Provincia, Regione Lombardia e Parlamento.

La convenzione tra Openjobmetis e Confartigianato Imprese Varese rappresenta l’ennesimo tassello nel mosaico dell’integrazione tra domanda e offerta di lavoro, del rilancio dell’occupazione e del sostegno alla ripresa economica della provincia di Varese, con specifico riferimento alle piccole e medie imprese.

«Il fatto – spiega Rosario Rasizza, amministratore generale della agenzia per il lavoro Openjobmetis –  che Openjobmetis sia un’azienda nata in provincia di Varese, consolidata e presente sul mercato telematico azionario di Borsa Italiana nel segmento Star, rappresenta per Confartigianato e le sue aziende il massimo della garanzia in termini di solidità, stabilità, conoscenza dei bisogni del territorio e del suo tessuto imprenditoriale, adeguata profilazione e preparazione delle figure inserite nelle imprese, equità del trattamento rispetto agli altri lavoratori già presenti in azienda» ha affermato Mauro Colombo.

«Siamo orgogliosi di questa partnership, da sempre lavoriamo al fianco degli imprenditori per rispondere in modo tempestivo ed efficace alle loro richieste ed esigenze. Il nostro compito è quello di semplificare l’incontro tra domanda e offerta, valorizzando il talento. Siamo un’azienda che vanta le sue radici qui, a Varese: nel lontano 2001 abbiamo aperto in via Carrobbio la nostra prima filiale, tutt’ora attiva. Siamo particolarmente legati quindi al territorio e vogliamo contribuire alla sua crescita e al suo sviluppo affiancando, in qualità di partner affidabile, le imprese nella ricerca e selezione del personale» ha infine commentato Rosario Rasizza, amministratore delegato di Openjobmetis SpA.