Da Varese parte il concorso per rendere opere d’arte le vecchie cabine semaforiche

Tema del concorso: “Varese, tra giardini, laghi e monti”. Scadenza 15 settembre.

Le vecchie cabine semaforiche di Varese, ora anonime, saranno elevate a tele di artisti urbani e di giovani talenti, quali opere permanenti, fruibili quotidianamente dai cittadini. La finalità del bando è quella di promuovere la creatività, offrire momenti di partecipazione e di visibilità a giovani artisti e nello stesso tempo contribuire a ridisegnare l’estetica della città di Varese come galleria diffusa open air.  Tema del concorso: “Varese, tra giardini, laghi e monti”. Possono partecipare tutti coloro che, garantendo di saper portare a termine un lavoro di decorazione in maniera autonoma e originale, utilizzano le seguenti tecniche espressive: graffiti, wall painting, murales, stencil e simili. La partecipazione al concorso è gratuita. Il concorso è aperto ad artisti, di età non inferiore a 18 anni, in forma individuale Ogni artista è ammesso a partecipare con un solo progetto.

Gli artisti selezionati dovranno realizzare il progetto presentato sulle cabine messe a disposizione dal Comune di Varese. Verranno selezionati massimo 40 artisti. Le opere artistiche, giudicate in armonia con il contesto, contribuiranno all’introduzione del segno grafico nel mondo dell’arte, della grafica e del design e alla sensibilizzazione della cittadinanza nei riguardi di nuovi linguaggi artistici contemporanei.

Il concorso è indetto dalla Galleria PUNTO SULL’ARTE, con sede a Varese in Viale Sant’Antonio, 59/61, rappresentata da Sofia Macchi in collaborazione con l’associazione culturale Wg Art.it, bandisce un concorso per la decorazione artistica delle cabine semaforiche messe a disposizione dal Comune di Varese.