Parte il nuovo servizio civile universale con tre mesi all’estero

Gli enti potranno presentare i propri progetti dal 4 settembre 2017 al 30 novembre 2017.

Pubblicata sul sito www.gioventuserviziocivile.gov.it la Circolare che disciplina le modalità di iscrizione degli enti all’Albo unico di Servizio civile universale a seguito della riforma approvata a marzo.
La Circolare, emanata con il parere favorevole della Consulta, consentirà di elevare il livello qualitativo del Servizio civile universale e di renderlo maggiormente rispondente alle nuove sfide. Gli elementi fondamentali introdotti dalla circolare sono:

  •   semplificazione delle procedure
  • innalzamento dei livelli standard di qualità richiesta agli enti, con particolare riferimento alla
  • capacità organizzativa e possibilità di impiego dei volontari, caratterizzata anche da figure di responsabili maggiormente qualificate
  • migliore capacità progettuale degli enti, connessa anche alla maggiore dimensione organizzativa degli stessi
  • salvaguardia della specificità regionale con la previsione, nell’Albo di Servizio civile universale, di sezioni regionali e delle province autonome
  •   iscrizione all’Albo senza vincoli temporali
  •   impegno a ridurre i tempi di conclusione del procedimento di iscrizione all’Albo unico entro i 120 giorni.

Il Sottosegretario di Stato On. Luigi Bobba esprime “piena soddisfazione per la stesura della circolare che rappresenta il primo passo per dare concreta attuazione al Servizio Civile Universale”.

Inoltre, è stato pubblicato l’Avviso di presentazione dei progetti, con il parere favorevole della Consulta Nazionale da realizzarsi nel 2018. I progetti potranno essere presentati dal 4 settembre 2017 al 30 novembre 2017.

L’Avviso presenta diversi elementi di novità coerenti con la sperimentazione del Servizio civile universale. In particolare si da attenzione alle nuove norme relativamente a:

  • flessibilità della durata del servizio dagli 8 ai 12 mesi
     svolgimento del servizio per un periodo di tre mesi in un Paese UE o, in alternativa,
  • possibilità di usufruire di tutoraggio per facilitare l’accesso al mondo del lavoro con priorità per l’ impiego dei giovani con minori opportunità.

Queste tre novità contenute nell’Avviso per i progetti 2018 cominciano a dare forma al Servizio civile universale. In particolare si vuole dare un respiro europeo al Servizio civile, facilitare un collegamento con l’inserimento nel mondo del lavoro e favorire l’inclusione sociale dei giovani più svantaggiati.

Il Sottosegretario di Stato On. Luigi Bobba dichiara: “ Assicuro tutto il mio impegno – sia attraverso l’assestamento del bilancio relativo al 2017, che con la stesura della legge di bilancio per l’anno 2018 – affinché siano previste le risorse necessarie a confermare o superare i numeri dello scorso anno, che ha visto la partecipazione di circa 50.000 volontari in oltre 4.700 progetti”.