Il Cai di Legnano porta la solidarietà sotto l’albero

Consegnati i fondi raccolti alla Legnano Night Run per Ricostruiamo Amatrice, Pink is Good e la scuola di Khane. In totale 3.770 euro donati grazie all'impegno di CAI e Bcc

La solidarietà nata con la Legnano Night Run arriva sotto l’albero di Natale. Sono state ufficialmente formalizzate nella serata di venerdì 16 dicembre le donazioni dei soldi raccolti dal Cai Legnano e dalla Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate in occasione dell’ultima edizione della stracittadina legnanese. Destinatari dei 3.770 euro sono: il progetto Ricostruiamo Amatrice in favore delle popolazioni colpite dal terremoto, l’iniziativa Pink is Good promossa dalla Fondazione Veronesi per la lotta contro il tumore al seno e il Progetto Khane Valley in Pakistan per il sostegno a una scuola. L’occasione è arrivata con la festa di Natale organizzata dal Cai di Legnano nella propria sede di via Roma. Accanto alla premiazione dei 14 soci che hanno festeggiato i 25 ed i 50 anni di fedeltà al Club Alpino Italiano, il Cai ha voluto concretizzare le tre iniziative di solidarietà.

«Non c’è occasione migliore del Natale per far sentire la propria vicinanza», ha detto Silvia Bonari presidente del Cai. «La nostra associazione si è sempre attivata non solamente per diffondere la cultura della montagna, ma è sempre stata sensibile alle esigenze che le venivano presentate. Nell’ultima edizione della Legnano Night Run abbiamo inserito la possibilità per gli atleti iscritti di sostenere un progetto di solidarietà. La generosità dei partecipanti ci ha permesso di raccogliere 600 euro per l’iniziativa Pink is Good e 400 per la scuola di Khane dove andremo a sostenere la presenza di un insegnante per i ragazzi del piccolo villaggio rurale del Karakorum e il Cai Legnano ha voluto raddoppiare questa somma destinandola ad un progetto per una cittadina colpita dal terremoto». Il legame con il Pakistan si è attivato l’anno scorso con la spedizione “Khane Valley 1to1 Challenge” che ha visto protagonisti cinque alpinisti del Cai di Legnano, Busto Arsizio e Castellanza. Walter Polidori, Emanuele Nugara, Matteo Filippini, Luca Monfrini e Tommaso Lamantia hanno aperto alcune vie del tutto inesplorate e raccolto materiale ed informazioni di luoghi poco conosciuti. Alla somma raccolta va aggiunto quanto i cinque alpinisti hanno raccolto a loro volta raccontando la loro esperienza in Pakistan (770 euro). Per Pink is Good l’assegno è stato consegnato a Angela Restelli; mentre per la scuola di Khane è intervenuto Walter Polidori capospedizione e direttore della Scuola Guido della Torre.

Come preannunciato alla vigilia della Legnano Night Run, Cai e Bcc hanno raddoppiato quanto raccolto destinando 2.000 euro per sostenere il progetto Ricostruiamo Amatrice condotto sul territorio da Amga Sport e Associazione Società Sportive Legnanesi. «È un gesto che abbiamo fatto volentieri non solamente perché come banca siamo vicini al territorio e ai progetti che da questo scaturiscono», ha spiegato durante la serata Danila Battaglia componente del CdA della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate. «Soprattutto, sostenendo la Legnano Night Run abbiamo voluto dare un segnale concreto di aiuto verso le popolazioni che sono state colpite dal terremoto affiancandoci all’iniziativa del Cai». Il contributo raccolto è stato consegnato simbolicamente nelle mani del sindaco di Legnano Alberto Centinaio che l’ha portato ad Adolfo Marinangeli sindaco di Amandola, uno dei Paesi colpiti dal terremoto a garanzia dell’avvenuto bonifico sul conto corrente del progetto.